RW Edizioni: le uscite DC Comics del 21 settembre 2019

Ecco le uscite RW Edizioni inerenti al mondo DC Comics previste per il 21 settembre 2019 grazie a Terminal Video. Scopriamole insieme nella lista che segue:

9788829305018

FLASH #65 (121)
(Contiene Flash 64, Teen Titans 25-26)
di Joshua Williamson, Adam Glass, Rafa Sandoval, Robson Rocha, Bernard Chang
16,8×25,6, S, 72 pp, col.
9788829305001
€ 4,50
“Il prezzo”, seconda parte! Direttamente dalle pagine di BATMAN N. 65 prosegue il crossover che vede impegnati Batman e Flash contro una minaccia fin troppo familiare! Prosegue su BATMAN N. 66! Inoltre doppia dose delle avventure dei Giovani Titani, con le incredibili origini di Crush, la figlia di Lobo! Infine, Damian ha bisogno di qualcosa di speciale per la sua prigione segreta, qualcosa che può trovare solo… nella Batcaverna!

Ordina ora
9788829304981

JUSTICE LEAGUE #61
(contiene: Justice League 16, Justice League Dark 8, Titans 33)
di Scott Snyder, James Tynion IV, Dan Abnett   , Jim Cheung, Stephen Segovia, Alvaro Martìnez Bueno, Bruno Redondo
16,8×25,6, S, 72 pp, col.
9788829304981
€ 4,50Chi sono i figli di Marte? Con la risposta a questa apparentemente innocente domanda si chiude la missione di parte della Justice League su Hawkworld, e ciò che scopriranno cambierà tutto! Inoltre la Justice League Dark dovrà fare i conti con un vendicativo Dottor Fate, mentre i Titani dovranno combattere per l’anima di Raven in una dimensione decisamente ostile.

Ordina ora
9788829305032

SUICIDE SQUAD/HARLEY QUINN #54 (76)
(contiene Suicide Squad 49, Deathstroke/Yogi Bear Special 1)
di Rob Williams, Frank Tieri, Diogenes Neves, Max Texeira
16,8×25,6, S, 48 pp, col.
9788829305032
€ 3,95
La Suicide Squad è attesa a una vera e propria resa dei conti. Quale piano ha preparato Rick Flag per vendicarsi di Amanda Waller? Nel frattempo, nel parco di Yellowstone, circola da tempo una leggenda legata al misterioso “Orso Yogi”. Cosa farà il temibile Slade Wilson quando verrà chiamato a indagare su questa strana minaccia?

Ordina ora
9788829303229

DC Pop
BATMAN: DETECTIVE
(Contiene Detective Comics 821-826)
di Paul Dini, J.H. Williams III, Don Kramer, Joe Benitez
16,5×25,2, B, 144 pp, col.
9788829303229
€ 15,50
Il Cavaliere Oscuro combatte l’Enigmista, il Pinguino e Poison Ivy in storie ricche di mistero e suspense scritte da Paul Dini e disegnate da alcuni tra i migliori artisti del fumetto americano, tra cui J.H. Williams III.

Ordina ora
9788829303632

DC Universe
THE TERRIFICS 3
(Contiene The Terrifics 9-10, The Terrifics Annual 1)
di Jeff Lemire, José Luis, Evan Shaner, Joe Bennett, Viktor Bogdanovic
16,8×25,6, B, 96 pp, col.
9788829303632
€ 10,95
I Terrifics sono divisi tra le pieghe nel multiverso, cercando di tornare alla loro realtà e contemporaneamente di salvare i membri della famiglia di Tom Strong. Il piano di Doc Dread sembra funzionare, ma la forza di volontà di Mr. Terrific, Plastic Man, Metamorpho e Phantom Girl sarà grande a sufficienza per superare anche questo ostacolo? La svolta avverrà quando Sapphire Stagg scoprirà chi si cela dietro la maschera di Doc Dread! In appendice, l’Annual dei Terrifics, con alcune soluzioni a misteri che stanno avvolgendo il supergruppo fin dalla formazione!

Ordina ora
9788833047973

Lion Extra
DOOM PATROL VOL. 2: Nada
(Contiene Doom Patrol #7-11)
di Gerard Way, Nick Derington, Mike Allred
16,8×25,6, B, 136 pp, col.
9788833047973
€ 13,50
Casey, Flex Mentallo, Robotman, Rebis e Crazy Jane si trovano alle prese con una nuova folle domanda a cui dover rispondere? Cos’è questa M**da e come mai la stanno mangiando tutti quanti? Nel frattempo scopriremo che fine ha fatto il gatto Lozione, e come il suo viaggio l’abbia cambiato… radicalmente. Dopo il successo del primo volume, torna la nuovissima DOOM PATROL creata da Gerard Way nel solco della classica serie di Grant Morrison!

Ordina ora
9788833044910

Vertigo Legends
C’ERA UNA VOLTA FABLES 44
(Contiene Fables 150)
di Bill Willingham, Mark Bukingham, Steve Leialoha
16,0×21,0, B, 96 pp, B/n
€ 3,95
Ultimo numero della serie Vertigo di maggior successo degli ultimi anni. Leggete con noi le ultime avventure dei personaggi delle fiabe che ci hanno fatto compagnia per tutto questo tempo e scoprite il loro futuro!
GOEN

Ordina ora
9788867128839

BL Collection #18
HYBRID CHILD
di Shungiku Nakamura
12,2×17,8, B+sc, 190 pp, b/n + col.
9788867128839
€ 5,95
Commedia/BL
L’Hybrid Child è una bambola-androide che può crescere solo grazie all’amore e alle attenzioni del suo padrone. Non è né una macchina né un essere umano, ma può sviluppare profondi legami sentimentali col proprio oggetto di affezione. In un unico volume una nuova, avvincente storia della regione dei Boys Love, Shungiku Nakamura!
Hybrid Child © Shungiku Nakamura

Ordina ora
9788867128006

Velvet Collection #26
ARE YOU ALICE 8
di Ikumi Katagiri /Ai Ninomiya
13×18, B+sc, 208 pp, b/n e col.
9788867128006
€ 5,95
Seinen/Young-Adult/Bishounen
Con la vera identità del Cappellaio ormai rivelata e il suo nome reclamato, la sua determinazione di trovare Alice – la vera Alice – e fuggire da Wonderland si fa ancora più forte. Diventa evidente che il Cappellaio non si farà remore a distruggere tutto e tutti si opporrà a questo obiettivo. Ora toccherà ad Alice decider se il Cappellaio è ancora un suo alleato… o la peggiore delle minacce.
Are you Alice? © 2009 by Ikumi Katagiri /Ai Ninomiya © IM/Re;no Inc.

Ordina ora
9788867128846

Dansei Collection #42
SAMURAI EXECUTIONER 12
di Kazuo Koike,Goseki Kojima
12,2×17,8, B+sc, 188 pp, b/n
9788867128846
€ 5,95
Seinen/Storico
Una vera katana dovrebbe essere in grado di uccidere un uomo con un solo colpo. Yamada Asaemon è un ronin dell’epoca Edo, conosciuto come Asaemon il carnefice per il suo incarico di testare le spade dello Shogun. Il suo vero lavoro, comunque, è eseguire delle vere e proprie esecuzioni capitali.
KUBIKIRI ASA © 1995 by Kazuo Koike/Goseki Kojima

Ordina ora
9788867128884

Dansei Collection #44
LA CANZONE DI APOLLO 1 [DI 3]
di Osamu Tezuka
12,2×17,8, B+sc, 124 pp, b/n.
9788867128884
€ 6,95
Seinen/Fantastico/Drammatico
La Canzone di Apollo racconta il tragico percorso di Shogo, un giovane a cui un’infanzia di abusi ha instillato una profonda repulsione nei confronti dell’amore, tanto da spingerlo a compiere atroci atti di violenza quando assiste a momenti di intimità e affetto, indipendentemente se questi siano da parte di umani o animali. Il suo odio è tanto profondo da costringere gli stessi dei a intervenire e maledirlo, costringendolo a sperimentare l’amore attraverso diverse ere solo per farsi spezzare il cuore ogni volta. Dalle atrocità naziste della Seconda Guerra Mondiale fino a un distopico futuro di cloni, Shogo perde progressivamente un pezzo del proprio cuore e della propria anima nel disperato tentativo di guarire le profonde cicatrici lasciate durante la sua infanzia. Goen è orgogliosa di presentare un nuovo capolavoro inedito del Dio dei Manga, il maestro Osamu Tezuka.
APOLLO NO UTA by Osamu Tezuka © 2018 by Tezuka Productions

Ordina ora
9788867125753

FOOD WARS Vol.6
di Yuto Tsukuda e Shun Saeki e Yuki Morisaki
11×17 B+sc, 192 pp circa, b/n
9788867125753
€ 5,95
Shonen/Young-Adult/Commedia
I concorrenti per l’evento autunnale della Totsuki, teatro di mirabolanti Food Wars, sono stati scelti! I partecipanti si preparano a dare il meglio ed essere il vincitore assoluto, e intanto qualcuno fa visita alla Stella Polare… Un nuovo volume per la serie che sta riscuotendo notevole successo in Giappone e anche in Italia, grazie alla serie animata trasmessa sottotitolata in contemporanea con il Giappone su Youtube, Shokugeki no Soma.
Shokugeki no soma © Yuto Tsukuda /Shun Saeki

Ordina ora
9788867125944

FOOD WARS Vol.7
di Yuto Tsukuda e Shun Saeki e Yuki Morisaki
11×17 B+sc, 192 pp circa, b/n
9788867125944
€ 5,95
Shonen/Young-Adult/Commedia
Soma e gli altri questa volta devono riuscire a preparare una colazione degna della qualità che contraddistingue il Totsuki Resort, per poter poi apparire sul menù. Il team è affiliato, scambiandosi anche le conoscenze necessarie, riescono facilmente nell’impresa ma Soma commette un errore e corre il rischio di non passare la prova! Un nuovo volume per la serie che sta riscuotendo notevole successo in Giappone e anche in Italia, grazie alla serie animata trasmessa sottotitolata in contemporanea con il Giappone su Youtube, Shokugeki no Soma.
Shokugeki no soma © Yuto Tsukuda /Shun Saeki

Ordina ora
Pre-ordine PREVIEWS di settembre 2019: Fumetti Americani in lingua

Gentile cliente,

è aperto l’ordine dei fumetti americani presentati sul Previews di settembre. Clicca sull’immagine per scaricare il modulo d’ordine relativo e invialo a info@latorrenera.net entro e non oltre domenica 22 settembre

CLICCA PER SCARICARE IL MODULO D’ORDINE

Puoi trovare una descrizione dei titoli elencati direttamente sul sito ufficiale di Previews CLICCANDO QUI.

Attenzione: Non possiamo assicurare l’evasione degli ordini pervenuti oltre la data di scadenza o inviati ad un indirizzo mail diverso da quello indicato.

Panini Comics: le uscite Marvel del 22 agosto 2019

Panini Comics Italia, ha annunciato le uscite, inerenti al mondo Marvel, previste per il 22 agosto 2019. Tutti questi titoli sono ordinabili nel nostro store online o direttamente in negozio con lo sconto del 10%. Scopriamole insieme nella lista che segue:

La Torcia Umana 2 Marvel Masterworks

panini comics marvel uscite agosto

Stan Lee, Dick Ayers, AA.VV. 256 pp – Strange Tales (1951) #118/134 Cartonato con sovraccoperta € 25,00 PANINI COMICS

Johnny Storm è uscito dal gruppo? 
Per fortuna no, ma negli anni 60 ha comunque vissuto numerose avventure al di fuori dei Fantastici Quattro, da solo o in compagnia dell’adorabile Cosa dagli occhi blu. 
Namor, Wizard, l’Uomo Pianta, l’Uomo Ghiaccio e lo Scarabeo sono solo alcuni dei personaggi che il nostro giovane e focoso eroe incontrerà in questo spettacolare volume, con ospiti d’onore i soli e unici… Beatles?! 
Contiene una storia disegnata dal “Re” Jack Kirby.

Amazing Spider-Man 6 – La caduta delle Industrie Parker – Marvel Collection

panini comics marvel uscite agosto

Dan Slott, Stuart Immonen, Christos Gage, AA.VV. 176 pp – Amazing Spider-Man (2015) #789/791-794/796, Amazing Spider- Man Annual (1964) #42 Cartonato € 19,00 PANINI COMICS

Peter Parker ha spedito Zodiac di un anno nel futuro… un anno fa! 
Nel frattempo Norman Osborn potrebbe aver trovato il modo di tornare ad essere Green Goblin… 
Il decennale ciclo di Dan Slott giunge al punto di svolta!

Runaways 3 – Marvel Collection

panini comics marvel uscite agosto

Rainbow Rowell, David LaFuente, Matt Wilson, Kris Anka 136 pp – Runaways (2018) #13/18 Cartonato € 17,00 PANINI COMICS

Molte cose sono cambiate per i super-adolescenti più famosi della Marvel. 
Un importante nemico dei Runaways è tornato in maniera assolutamente inaspettata! 
Rainbow Rowell e Kris Anka tornano a scrivere gli eroi creati da Brian K. Vaughan!

Venom 13 (30)

panini comics marvel uscite agosto

Frank Tieri, Danilo Beyruth 32 pp – Web of Venom: Cult of Carnage Spillato € 2,50 PANINI COMICS

Una storia completa dedicata a Carnage, anzi… alla Setta di Carnage!  Continua la sottotrama che sfocerà nel crossover Absolute Carnage! 
La missione segreta di John Jameson, l’Uomo Lupo!  Quale inquietante mistero si cela a Doverton, in Colorado?

Fantastici Quattro 9 (394)

panini comics marvel uscite agosto

Dan Slott, Paco Medina, Stefano Caselli, Aaron Kuder 24 pp – Fantastic Four (vol. 6) #9 Spillato PANINI COMICS

Un atto crudele incrinerà per sempre i rapporti tra i Fantastici Quattro e il Dottor Destino. 
Il destino del mondo e di Galactus dipendono da un’unica decisione! 
I Fab Four stanno per essere giustiziati! 
Cosa potranno fare Franklin e Valeria per evitare la morte del gruppo?

L’Immortale Hulk 14 (57)

panini comics marvel uscite agosto

Kyle Hotz, Al Ewing 24 pp – Immortal Hulk (vol. 1) #14 Spillato € 2,00 PANINI COMICS

È un giorno triste per Betty! Un giorno freddo e piovoso al cimitero di West Point, dove è in corso il funerale di suo padre, il generale “Thunderbolt” Ross! 
Una volta tornata a casa, trova ad attenderla il suo ex marito, Bruce Banner! 
Ma Bruce non è venuto da solo… 
…insieme a lui c’è l’Immortale Hulk!

Decenni – La Marvel degli anni 80 – Incredibili Evoluzioni

AA.VV. 240 pp – Iron Man (1968) #170, Uncanny X-Men (1981) #173, Fantastic Four (1961) #265, Amazing Spider-Man (1963) #252, Incredible Hulk (1968) #324, Thor (1966) #378, Captain America (1968) #333, Amazing Spider-Man Annual #21, X-Factor (1986) #24 Cartonato € 27,00 PANINI COMICS

Wolverine 61 (387)

Neil Edwards, Ibraim Roberson, Ed Brisson 48 pp – Old Man Logan #50, Old Man Logan Annual #1 (II) Spillato € 3,50 PANINI COMICS

Il Vecchio Logan contro il Maestro… l’Hulk del futuro! Uno scontro all’ultimo sangue! 
Il gran finale della serie Old Man Logan! 
Inoltre… il Punitore delle Terre Desolate! 
Copertina di Andrea Sorrentino!

Gli Incredibili X-Men 5 (351)

Salvador Larroca, Matthew Rosenberg, Juanan Ramirez, John McCrea 72 pp – Uncanny X-Men vol. 5 #11 Spillato € 4,20 PANINI COMICS

Il mondo odia e teme i mutanti più che mai. E tutti, ma proprio tutti odiano il redivivo Ciclope… anche i suoi simili. 
Scott Summers torna in scena, ma si ritrova davvero solo! 
O forse no? Ci sono ancora tanti altri mutanti in giro per il mondo. 
Nuovo formato e nuova minisaga: snikt!

Pantera Nera 7 – Riuniti nel mio nome – Marvel Collection

Ta-Nehisi Coates, Kev Walker 136 pp – Black Panther (2018) #7/12 Cartonato € 17,00 PANINI COMICS

In un futuro cupo… Pantera Nera rinasce! 
Continua la visionaria saga dell’Impero Intergalattico del Wakanda! 
T’Challa guida la ribellione in un futuro familiare ma diverso… dove un imperatore malvagio ha stravolto gli ideali del Wakanda! 
Una saga stellare e metaforica scritta dal pluripremiato saggista Ta-Nehisi Coates!

Miles Morales: Spider-Man 1

Saladin Ahmed, Javier Garron 48 pp – Miles Morales: Spider-Man (2019) #1/2 Spillato € 3,50 PANINI COMICS

Il nuovo bimestrale dedicato al protagonista di Spider-Man: Un nuovo Universo! 
Un fresh start per Miles Morales e il suo cast di comprimari! 
Un alleato che non vi immaginereste mai! 
Dallo scrittore di Freccia Nera ed Exiles, e dal disegnatore di Star-Lord!

Thor Dio del Tuono 1 – Il macellatore di dei – Marvel Collection

2ª ristampa

Esad Ribic, Jason Aaron 128 pp – Thor: God of Thunder #1/5 Cartonato € 16,00 PANINI COMICS

GLI DEI STANNO SCOMPARENDO! L’unica speranza per questi mondi devastati è che Thor sveli l’orrendo mistero del Macellatore di Dei! Una scia di sangue minaccia di annientare il passato, il presente e il futuro di Thor! Aaron & Ribic, una sinergia creativa spettacolare!

“Ri-Nascita”: Dalla stagione 3 di DareDevil alla “fedeltà” del cinema a fumetti

Uno degli aspetti più interessanti del boom moderno nella cultura geek è la maggiore enfasi sulla fedeltà testuale.

Molto è stato scritto sull’elevata nascita di adattamenti, sequel, remake e reboot che dominano la cultura popolare contemporanea. La tendenza è forte, anche tra le uscite cinematografiche e televisive di prestigio di quest’anno.  Tuttavia, è molto rivelatore che così tanti adattamenti moderni di personaggi famosi sono molto concreti sull’idea di fedeltà. “Fedeltà” è diventata una parola d’ordine per questi adattamenti, non solo in termini di Easter Egg, ma in termini di costruzione di base. A suo modo, questa potrebbe forse essere un’estensione dell’enfasi sui fumetti e graphic novel come ispirazione chiave per i moderni blockbuster. Dato il numero di artisti legati ai fumetti che lavorano come sceneggiatori nei film, è normale considerare il materiale originale come uno storyboard, per adattare una vignetta a un’immagine in movimento.

Non è sufficiente mettere insieme un film basandosi esclusivamente sul tono del fumetto, e un regista può letteralmente prendere solo una libera ispirazione mentre crea qualcosa che assomiglia poco al materiale di partenza. La terza stagione di Daredevil ricorre a questo problema ripetutamente, in gran parte come un tentativo confuso di portare sullo schermo Rinascita di Frank Miller e David Mazzucchelli .

Nota: questo articolo contiene spoiler minori della terza stagione di Daredevil .

Non è sempre una cattiva idea prendere ispirazione dal materiale di partenza per adattare un amato personaggio dei fumetti allo schermo. La trilogia di Batman di Christopher Nolan adatta una serie di elementi chiave di vari archi narrativi ed eventi. Batman Begins deve molto all’ Anno Uno di Frank Miller e David Mazzucchelli . Nolan stesso cita The Long Halloween come una grande influenza per The Dark Knight . In termini di trama di base, The Dark Knight Rises deve molto a Knightfall e Cataclysm . Tuttavia, nessuno di questi film è particolarmente legato al loro materiale originale.

In effetti, Nolan mescola una varietà di influenze in ognuno dei singoli film. Batman Begins attinge da fumetti come quelli di Dennis O’Neil e gli epici anni settanta del Batman di Neal Adams o la storia dimenticata The Man Who Falls . La trama di The Dark Knight combina elementi di Batman # 1 e The Killing Joke . Lungo queste linee, The Dark Knight Rises include aspetti di The Dark Knight Returns o The Cult. Nessuno di questi elementi si eliminano, e nessuno di questi film è abbastanza vicino da poter essere adattato direttamente. Più precisamente, Nolan include alcuni segnali visivi in ​​modi che non stravolgano la storia.

Tuttavia, nei film dei fumetti moderni c’è una tendenza a porre un’enfasi eccessiva sulla “fedeltà” , per trattare questi adattamenti non come storie fine a se stessi, ma come raccolte di momenti e citazioni di vari anni di pubblicazioni confezionato all’interno di un film. Watchmen potrebbe essere il miglior esempio di questo, con Zack Snyder che crea una serie di scatti letteralmente presi dai disegni di Dave Gibbons, producendo uno degli adattamenti cinematografici più visivamente fedeli da Psycho di Gus Van Sant .

Storicamente, gli adattamenti dei fumetti tendevano ad essere abbastanza ampi nel tradurre elementi della storia dalla carta allo schermo. Il Batman di Adam West ha sorvolato la morte di Thomas e Martha Wayne. Batman di Tim Burton suggerì che il Joker aveva assassinato i genitori di Bruce Wayne. La versione di Lex Luthor apparso in Superman e Superman II era abbastanza distante dallo scienziato pazzo nell’armatura dei fumetti contemporanei. Catwoman e il pinguino di Batman Returns erano mondi diversi dalle loro controparti a fumetti.

Alcuni di questi elementi ovviamente non funzionano. Ci sono molti film a fumetti che soffrono a causa di decisioni che non possono essere ricondotte al loro materiale originale. In molti casi – come Batman e Robin – le modifiche apportate ai personaggi e il ritmo della trama dal materiale di partenza peggiorano la storia. Allo stesso tempo, non si può negare che alcuni di questi primi adattamenti avevano una certa libertà di inventare e reimmaginare i loro personaggi e le premesse in un modo che li ha modellati e definiti.

Per essere onesti, Watchmen non è esattamente il punto zero quando si tratta di questo livello di fedeltà negli adattamenti dei fumetti. Ironia della sorte, Daredevil di Mark Steven Johnson è forse uno dei grandi primi esempi di adattamento di un supereroe che potrebbe aver sofferto di essere troppo fedele alla sua ispirazione. L’adattamento di Johnson si è ispirato incredibilmente all’iconico lavoro di Frank Miller su Daredevil , in particolare nel suo ritratto di personaggi come Kingpin, Elektra e Bullseye. Infatti, l’omicidio di Elektra da parte di Bullseye viene preso direttamente dal fumetto.

Johnson era così fissato nel riprendere tutti questi momenti, che ha faticato a strutturarli in una narrazione avvincente. Daredevil avrebbe potuto funzionare meglio se avesse preso un singolo elemento e costruito il film intorno ad esso, piuttosto che passare attraverso una lista di omaggi e ritmi per legare il film al lavoro di Frank Miller. Dopotutto, Miller aveva accumulato molti di questi grandi momenti nel corso degli anni, ma Johnson stava invece cercando di metterli in pratica e montarli in un film di due ore. Johnson sembrava capire il potere di questi momenti, ma non il loro contesto.

Tuttavia, Watchmen sarà probabilmente il migliore esempio di questo, con il regista Zack Snyder che mostra un’incredibile fedeltà al materiale originale.  Allo stesso tempo, c’è la sensazione che Snyder abbia offerto un adattamento letterale del testo senza comprenderne il significato, e quindi ha usato la fedeltà al testo come un’opportunità per aggirare l’effettivo processo di traduzione della storia da un mezzo all’altro . Guardando Watchmen, sembra spesso che essere fedeli al testo letterale e alle immagini del materiale originale fosse più importante che provare a distillare la sua essenza sul grande schermo. È una sensazione molto strana, sembra quasi un esperimento di art-house piuttosto che un blockbuster di grosso budget.

Ci sono molti esempi che illustrano il divario tra quella fedeltà testuale e l’essenza del fumetto. Moore e Gibbons sottolineano ripetutamente l’assurdità dell’idea dei supereroi in Watchmen , fissando personaggi che sono mentalmente sconvolti o fisicamente fuori forma. In particolare, Dan Dreiberg viene presentato come un uomo di mezza età in sovrappeso impotente. Tuttavia, Snyder non resiste all’impulso di sparare ai suoi personaggi in modo molto tradizionale, incluse scene di lotta al rallentatore con una coreografia mozzafiato. Questo è molto in disaccordo con il punto centrale tematico del fumetto.

(Per inciso, questo è uno dei motivi per cui Nolan ha consapevolmente cambiato l’ispirazione della trasformazione di Bruce Wayne dai fumetti. Nel fumetto, Bruce era stato ispirato dal film Il Marchio di Zorro che ha visto al cinema nella notte in cui i suoi genitori morirono. Nolan era ansioso che rendere la trasformazione di Bruce (anche in parte) qualcosa di più interessante e accattivante, così ha cambiato dal cinema a una serata all’opera in Batman Begins . E’ stato ispirato da Mefistofele piuttosto che Zorro .)

Negli ultimi anni, i film di fumetti sono diventati sempre più visivamente fedeli al loro materiale originale. Ad esempio, Thor: Ragnarok include una sottotrama estesa con il personaggio di Skurge the Executioner che esiste solo per costruire un’immagine particolarmente memorabile dall’iconico Thor  di Walt Simonson . Allo stesso modo, Thor: The Dark World traspone i personaggi come Malekith e Kurse dai disegni di Thor di Simonson , senza alcuna considerazione reale su cosa faccia funzionare questi personaggi. Erano nei fumetti ed erano popolari nei fumetti, quindi entrano nei film.

Questo spostamento è probabilmente il risultato di molteplici fattori diversi. Sempre più spesso, i tipi di persone coinvolte nelle principali decisioni creative degli studios che producono questi film hanno un ampio background nella cultura nerd, come il coinvolgimento di Geoff Johns in progetti come Green Lantern o Justice League . Più precisamente, sembra anche probabile che i registi e gli scrittori assegnati a questi progetti siano più profondamente versati nei personaggi e nella continuità. L’evidente passione di Zack Snyder per The Dark Knight Returns ha inevitabilmente formato Batman vs. Superman: Dawn of Justice .

C’è anche una maggiore enfasi sulla fedeltà come valuta culturale, in particolare quando si realizzano film e serie televisive per i fan più accaniti di proprietà abbastanza conosciute. Il “canon” è diventato un concetto sempre più legato (e talvolta frustrante) per i franchise di successo moderni, con società come la Marvel Studios che sono orgogliose di quanto direttamente e con quale fedeltà attingano dal materiale di partenza nella costruzione di questi film . Non importa che i fumetti abbiano un pubblico molto più piccolo, né che l’adattamento sia qualcosa di più della trasposizione letterale. La fedeltà è la chiave.

Questo è forse ciò che ha fatto sembrare un film come Venom così vecchio stile. Sembrava una reliquia dei primi anni del primo ventunesimo secolo per ragioni che si estendono oltre la bizzarra traccia del rap Eminem. Il film Venom sembra essere stato scritto e prodotto da persone che avevano solo letto il riassunto di wikipedia del personaggio, e non avevano mai preso una copia di Amazing Spider-Man nelle loro vite. Dopotutto, questo era un film di Venom senza Spider-Man . Richiedeva una forma di adattamento molto più sciolta.

Tutto ciò torna a Daredevil . La serie Netflix è passa attraverso quattro diversi set di showrunner durante le sue tre stagioni. Mentre le prime due stagioni dello spettacolo non sono mai state adattamenti diretti di singoli archi narrativi, sono stati entrambi fortemente influenzati dal lavoro di Frank Miller. La prima stagione è stata fortemente ispirata a The Man Without Fear , mentre la seconda si è appoggiata pesantemente alla mitologia che Frank Miller ha sviluppato attorno a Elektra Natchios e alla mano. Oltre a ciò, la prima e in particolare la seconda stagione sembravano utilizzare i momenti chiave dei fumetti come storyboard per sequenze chiave.

Nessuna delle prime due stagioni è stata un adattamento diretto di una singola run o arco scritto e illustrato da Frank Miller. Tuttavia, lo spettro di Born Again pende su Daredevil come personaggio. In parole povere, Born Again è una delle storie più influenti nella storia dei fumetti. Anche se l’originale Daredevil di Frank Miller è stato interpretato come una figura di interesse, è Born Again che ha incarnato Daredevil come personaggio. Born Again è una storia che ha influenzato innumerevoli scrittori che hanno seguito Miller, sia che si ispirino a emularlo sia a rifiutarlo. Scrittori come Kevin Smith, Brian Michael Bendis e Ed Brubaker ne hanno tratto pesantemente nonostante scrivessero circa due decenni dopo che la storia era stata raccontata. Un’intera generazione di fan e scrittori ha letto Born Again e l’ha abbracciata come l’ideale platonico di ciò che potrebbe essere un fumetto di supereroi.

Questo è il problema con questa terza stagione di Daredevil: tenta di adattare Born Again allo schermo. Tratta la storia come una raccolta di immagini e una serie di citazioni piuttosto che una narrativa coesa con se stessa. La stagione è costellata da brani narrati direttamente da Born Again , come ad esempio Matt che passa molto tempo a riprendersi con una suora che potrebbe essere sua madre o Wilson Fisk che deduce abilmente che Matt Murdock è l’unico e solo Daredevil.

Per essere onesti, potrebbe essere impossibile adattare Born Again per film o televisione nel ventunesimo secolo. L’arco della storia dei fumetti si apre con l’amata amica di Matt, Karen Page, come una pornostar drogata dall’eroina che vende l’identità segreta di Matt Murdock per una dose. Queste informazioni arrivano fino a Wilson Fisk, che decide di smantellare la vita di Matt Murdock pezzo per pezzo. Fa espellere Murdock. Fa congelare i suoi beni. Fa saltare in aria il suo condominio.

Nessuna di queste cose è realmente accaduta nella terza stagione di Daredevil , a causa della trama logica in seguito agli eventi di The Defenders . Matt Murdock è scomparso e presunto morto all’inizio della terza stagione, quindi non c’è una vita per Wilson Fisk da smantellare. Wilson Fisk è sotto custodia della polizia, quindi non può colpire Matt Murdock dall’alto con la stessa impunità. L’attrice Deborah Ann Woll ha assicurato ai fan che Karen non diventerà mai una pornostar tossicodipendente, e quindi non può essere la persona a svendere l’identità di Matt al suo arcinemico.

Alcuni di questi problemi sono puramente logistici. Forse la serie avrebbe potuto costruire una storia come Born Again per la sua quarta stagione, avendo fatto in modo che tutti i pezzi fossero stati messi a posto alla fine della terza stagione. Forse la terza stagione avrebbe potuto funzionare come miglior adattamento di Born Again se il team di produzione fosse stato più attento a quello che stavano facendo nella seconda stagione di Daredevil e nella prima stagione di The Defenders . Tuttavia, alcuni di questi elementi semplicemente non sarebbero mai stati realizzabili in qualsiasi condizione, dato il clima sociale moderno e i vincoli imposti dal marchio Marvel Studios.

La terza stagione di Dardevil riporta alcuni punti della trama da Born Again . Wilson Fisk tenta di annegare Matt Murdock nel fiume. Al suo livello più basso, Matt si ritira per curarsi nella chiesa e riscopre la sua fede. Dopo questo, Matt  combatte un pazzo che Wilson Fisk ha pagato per vestirsi come Daredevil per distruggere il suo buon nome. Queste sono tutte cose che accadono sia in Born Again che nella terza stagione di Daredevil . Tuttavia, il contesto per loro è radicalmente diverso, e quindi l’impatto di essi è cambiato in modo significativo.

Wilson Fisk tenta di annegare Matt Murdock nel fiume, ma non come ultimo tentativo di uccidere il personaggio dopo aver distrutto la sua vita. In effetti, guardando la terza stagione di Daredevil , non viene mai spiegato perché Fisk non gli avrebbe semplicemente sparato o picchiato a morte mentre era svenuto . Allo stesso modo, il tempo di Matt con la chiesa non è il risultato della sua vita che crolla dopo che Wilson Fisk lo ha fatto a pezzi. Invece, Matt si è ritirato in chiesa prima che Wilson Fisk faccia la sua prima mossa. Elimina l’equilibrio della storia.

Questo crea una strana tensione nella terza stagione di Daredevil , in cui la narrativa assomiglia superficialmente al fumetto Born Again , ma solo in piccoli frammenti di dialogo e poche immagini prese in prestito. La narrativa sottostante è completamente diversa, che crea una disconnessione. Born Again è fondamentalmente la storia di una morte e rinascita di Matt Murdock, ma la terza stagione di Daredevil si apre con la rinascita, il che significa che la serie deve nuovamente uccidere Matt Murdock, il che elimina l’equilibrio della storia raccontata.

Non è solo che la terza stagione di Daredevil non riesce ad essere un adattamento riuscito o avvincente di Born Again . Il problema è che, come con molti adattamenti dai fumetti che soffrono di questi superficiali cenni di fedeltà, vi è la decisione di lasciare spazio a tutti questi cenni fini a se stessi in modo che influiscano da soli sulla storia raccontata. La terza stagione di Daredevil potrebbe funzionare meglio come una storia di pura rinascita dopo la morte del personaggio in The Defenders , ma deve costantemente fermarsi e iniziare a includere tutti questi riferimenti e battiti di trama, come Ragnarok soffre un po’ di dover spremere Skurge nella sua storia.

Allo stesso modo, la terza stagione di Daredevil tenta attivamente di incorporare una serie di altri thread e immagini tratti dai fumetti che non rientrano altrimenti nella narrativa generale. La grande sequenza di combattimenti one-take della stagione vede Matt lottare per uscire da una prigione, un ovvio cenno a The Devil in Cell Block D di Ed Brubaker e Michael Lark. Tuttavia, la loro rissa in carcere esisteva in un quadro di storie in cui aveva più senso. Allo stesso modo, la terza stagione include una sequenza in cui Bullseye attacca una chiesa, presa direttamente da Guardian Devil di Joe Quesada e Kevin Smith .

Queste sono immagini efficaci, per essere sicuro. I fumetti sono un mezzo visivo, dopo tutto. La logica ci dice che ciò che funziona sulla carta dovrebbe funzionare sullo schermo. Tuttavia, queste immagini non funzionano necessariamente al di fuori del contesto, e la serie stessa di tanto in tanto fatica a integrare queste immagini in una narrazione coesa. Invece di sentirsi come una cosa sua, la terza stagione di Daredevil spesso sembra un remix esteso. Manca la propria voce distinta.

Va notato che molti adattamenti davvero riusciti lo fanno spostando efficacemente la rigida fedeltà testuale al loro materiale di partenza. The Shining potrebbe non aver soddisfatto Stephen King come adattamento del suo lavoro, ma si erge come uno dei più grandi film horror mai realizzati. Il Fuggitivo ha in gran parte soppiantato la serie televisiva che lo ha ispirato. Il Padrino e Lo Squalo hanno entrambi abbandonato ampie sezioni delle loro controparti cartacee  perchè non avrebbero funzionato al cinema.

Per tutti i fan degli adattamenti del fumetto potrebbe credere che questa è un’età d’oro degli adattamenti da pagina a pagina, la terza stagione di Daredevil suggerisce che c’è dell’altro piuttosto che la semplice trasposizione di immagini e frasi.

Venom: Recensione senza spoiler

Il trauma è una pietra miliare del genere supereroistico.

A volte quel trauma è emotivo; la morte di Thomas e Martha Wayne, la perdita dello zio Ben, l’esplosione di Krypton.                                      A volte quel trauma è fisico; ti rivestono lo scheletro di metallo liquido e la tua memoria viene cancellata, ti trasformi fisicamente in qualcosa di irriconoscibile, ecc ecc . Per citare erroneamente Stan Lee, “da un grande potere derivano grandi responsabilità”. Il più delle volte arriva anche con grande sofferenza.

Nei suoi momenti migliori, Venom sembra rendersene conto. Al centro di Venom, il personaggio traumatizzato è Eddie Brock, che ha assistito alla distruzione di tutta la sua vita e che improvvisamente si ritrova a condividere il suo corpo con un’entità aliena assassina con mostruosi appetiti. Brock è interpretato da Tom Hardy, uno di quei rari attori con immensa presenza fisica e incredibilmente vulnerabilità. Incredibile e trasandato, con i tatuaggi sbiaditi e gli indumenti che sembrano non essere stati lavati, Eddie sembra aver passato l’inferno prima ancora della sua esperienza di trasformazione.

Ci sono momenti in cui Venom sembri quasi come uno strano thriller psicologico su un personaggio che vive una pausa in tempo reale dalla realtà, un reporter che sta perdendo la sua fragile presa sulla realtà dopo aver subito l’ennesima battuta d’arresto personale e professionale. Mentre la situazione peggiora, Eddie inizia a sentire voci nella sua testa e perde il controllo del suo corpo. Si trova in una situazione in cui accadono cose terribili, ma è in grado di dissociarsi dalla brutalità e dalla violenza. Venom non si impegna mai completamente in questa idea, ma ribolle attraverso la storia.

I primi due atti di Venom sono scomposti e irregolari, che soffrono di una sfocata mancanza di dettagli e non si concentrano su nessuna delle idee centrali del film. Tuttavia, il film sopravvive in gran parte sulla forza delle prestazioni di Tom Hardy e sulla stranezza del concetto. Tuttavia, le cose cadono a pezzi nel terzo atto. Parte di questo è dovuto al fatto che Venom sente il bisogno di trasformarsi in un normale film di supereroi quando raggiunge la sua conclusione. Parte di questo è perché Ruben Fleischer non può dirigere l’azione. Parte di questo è a causa della collisione di un’esposizione maldestra e di immagini confuse generate al computer.

Venom perde quel piccolo controllo che ha di se stesso quando raggiunge il suo apice.

Il terzo atto di Venom è un disastro, uno dei peggiori terzi atti di qualsiasi blockbuster di grosso budget. Alcuni di questi problemi sono puramente concettuali, in base al fatto che Venom sente il bisogno di offrire il tipo di spettacolo che le persone si aspettano da un moderno blockbuster; questo significa momenti alti, effetti speciali complicati e sequenze guidate dall’animazione generata al computer. Niente di tutto ciò è bello e lascia un sapore molto aspro.

Il culmine di Venom sente la necessità di mettere il destino del mondo in bilico, come lo è l’impostazione predefinita per i moderni successi dei supereroi; si pensi agli antagonisti nichilisti di film come Thor: The Dark World o Doctor Strange , cattivi che vogliono distruggere il mondo perché i moderni blockbuster credono che il pubblico voglia quel livello di minaccia. In molti forum si parla dell’efficacia di questo approccio, sul fatto che i film abbiano bisogno di quel senso di pericolo, o se il pubblico moderno possa investire in interessi più intimi come quelli di Spider-Man: Homecoming .

Venom non smette mai di fare questo genere di domande, e così il film ha bisogno di aumentare il pericolo piuttosto drasticamente andando al suo terzo atto in un modo che si sente completamente inorganico con tutto ciò che è successo a quel punto. Il terzo atto di Venom è un corso di go-kart, pieno di colpi di scena ma senza spazio sufficiente per costruire un momento. Il terzo atto rivela, in una successione incredibilmente rapida , ciò che l’omonimo mostro stava progettando di fare sulla Terra, perché non lo fa più ora che il pubblico sa di cosa si tratta e chi altro sta pianificando qualcosa di simile.

Su un livello di trama pura è vertiginoso, inducendo al colpo di frusta. Al pubblico viene chiesto nel corso di trenta secondi di spiegazione di rinnovare completamente la loro comprensione della relazione tra Eddie Brock e il parassita che vive nel suo corpo non meno di tre volte. Di conseguenza, nulla di tutto ciò ha alcun impatto. Nessuna rivelazione ha il tempo di affondare prima che venga sostituita con una nuova informazione che ricontestualizza l’intero arrangiamento.

Questa carneficina si riflette nella regia. Ruben Fleischer non è un regista d’azione, certamente non alla portata di cui ha bisogno un film come questo. È sempre difficile creare una tensione tangibile tra due blob generati dal computer che si colpiscono a vicenda, ma l’editing e il ritmo della sequenza d’ azione climatica non aiutano. Due entità superpotenti si lanciano su un razzo al culmine di Venom , ripetutamente avvolte nel fuoco e lanciate e girandosi l’una sull’altra, ma nessuna visivamente è interessante. Molto poco è persino visivamente chiaro.

Tutto questo è un peccato, perché c’è un sacco di materiale interessante che porta a questo disastroso lancio del terzo atto. I primi settanta minuti di Venom sono tutt’altro che perfetti, ma sono almeno coinvolgenti. Hanno una varietà di idee sottosviluppate che sono almeno intriganti, e il tutto è elevato da un’affascinante performance centrale di Tom Hardy come Eddie Brock. Sarebbe troppo dire che Venom lavora costantemente anche durante i suoi primi due atti, ma funziona quel tanto che basta per far andare avanti le cose.

Molto di questo è dovuto a Tom Hardy. Potrebbe essere troppo dire che Hardy è particolarmente bravo nel ruolo, ma la sua performance è sicuramente ottima. Di rado c’è una scena senza una scelta interessante da parte di Hardy che ravviva anche il più superficiale o banale dei take. Anche la sua prima esposizione è piena di scelte di performance stranamente forti. Durante il montaggio introduttivo che lo istituisce come reporter, si ferma a metà di una frase per controllare i suoi appunti. “Il problema dei senzatetto è …” Controlla i suoi appunti, guarda la telecamera. “… crescente.”

In un certo senso, Venom si sente come un supereroe, una strana reliquia di un tempo prima dell’attuale boom dei supereroi. Sembra molto simile al tipo di film che potrebbe essere stato introdotto alla produzione nei primi anni del ventunesimo secolo, dopo il successo di X-Men o Spider-Man , ma da persone che non hanno riconosciuto gli eroi sulla carta. Venom è uguale a film come Daredevil , Elektra , Ghost Rider o anche The Punisher .

L’atmosfera del primo ventunesimo secolo è rafforzata in diversi modi. La title track di Eminem si sente come un marker culturale di un tempo precedente nella produzione cinematografica, e non solo perché Eminem si sente come un artista del millennio. Il singolo da legare è un’arte perduta da tempo, qualcosa di largamente trascurato e dimenticato al di fuori di casi eccezionali come The Greatest Showman o A Star is Born .

Questa scelta colonna sonora richiama l’inclusione di Nickelback nella colonna sonora di Spider-Man o la canzone degli Evanescence  Bring me to life (o anche My Immortal) in Daredevil . Probabilmente potremmo tornare ancora più indietro, al punto che artisti dai grandi nomi potevano persino creare versioni e video musicali sul blockbuster, come Hold Me, Thrill Me, Kiss Me, Kill Me o Kiss from a Rose (on the Grave) in Batman Forever.

Tuttavia, ci sono altri aspetti di Venom che evocano quei precedenti film di supereroi pre- Batman Begins e pre- Iron Man . In particolare, il fatto che le caratteristiche dei personaggi sullo schermo hanno ben poco a che fare con la proprietà intellettuale che ha fornito le basi per il film oltre una somiglianza superficiale e l’uso di poche parole chiave; pensa a film fuorvianti come Catwoman o Steel . C’è molto poco in Venom che ha delle radici solide nell’identità cartacea del personaggio, al di là del suo nome e del fatto che sia un “simbionte”.

Ci sono dei validi motivi, naturalmente. Più ovviamente, la difficoltà nel realizzare un film di Venom senza Spider-Man. Dopotutto, il personaggio di Venom è definito dalla sua relazione con Spider-Man. Spazzolando ogni continuità o storia condivisa, Venom è l’archetipo “doppelganger malvagio” di Spider-Man. Il suo personaggio semplicemente non funziona senza Spider-Man come punto di ispirazione o contrasto. Visivamente parlando, Venom non ha senso al di fuori del contesto di “Cosa succede se fosse Spider-Man, ma oscuro ?”

La prospettiva di un film di Venom senza Spider-Man è intrinsecamente assurda. La cosa potrebbe suggerire che è come fare due film di Joker senza Batman, ma non è del tutto preciso. Nonostante la loro lunga associazione, non c’è nulla del “clown assassino” che richiede “l’uomo vestito da pipistrello” per poter funzionare. Provare a realizzare un film di Venom senza Spider-Man è come provare a realizzare un film su Sabretooth senza Wolverine, un film su Man-Bat senza Batman, un film di Bizarro senza Superman, un film su Abominio senza Hulk. Non ha senso.

Eliminare Spider-Man dalla storia sull’origine di Venom rimuove essenzialmente la colonna vertebrale del personaggio, in un modo che crea un’apprezzabile assenza. Persino il pubblico, senza apprezzare l’associazione di vecchia data tra i due personaggi, potrebbero chiedersi perché gli occhi di Venom assomiglino al Tessiragnatela o perché oscilli in quel modo o perché si arrampichi sui muri. Venom non può possibilmente rispondere a queste domande con qualcosa di più di quanto già non faccia .

Per essere onesti, ci sono aspetti di questo approccio che funzionano abbastanza bene. I moderni film sui supereroi hanno in gran parte abbandonato l’idea del supereroe come metafora personale, l’idea che questi personaggi rappresentino qualcosa di specifico e unico piuttosto che servire come trampolino di lancio per grandi temi sul mondo moderno. Questo forse riflette nel modo in cui i moderni film dei supereroi si sono in gran parte allontanati da archi personali dei personaggi, ma anche nel fatto che i moderni film di supereroi non fanno metafore semplici come “hai provato a non essere un mutante?” con in X-Men II .

Venom gioca ripetutamente con l’idea del suo personaggio centrale come metafora di intensa esperienza personale, di un trauma letterale trasformativo, come sostituto del tipo di evento che cambia la vita e che cambia profondamente una persona. Accade solo che Eddie Brock sia cambiato in un modo più fisico che psicologico. Nei primi dieci minuti del film, Eddie tocca il fondo. Perde il suo lavoro tranquillo e l’amore. Si ritrova in enormi debiti e incapace di lavorare. La sua reputazione è a brandelli e la sua autostima non è molto alta.

Tom Hardy fa un sacco di lavori pesanti qui. La versione a fumetti di Eddie Brock era chiaramente un cattivo e ovviamente mostruoso. Era un brutto giornalista che ha falsificato delle notizie per essere pagato. Venom si allontana da un ritratto così rozzo. Invece, Eddie ha un solo momento di debolezza che finisce per costargli caro. Il film ha un altro personaggio che suggerisce attraverso il dialogo che la caduta di Eddie è il risultato della sua arroganza, ma la sceneggiatura non analizza mai il punto per paura di alienare il pubblico.

Di conseguenza, tocca a Tom Hardy dare al personaggio lo spessore necessario per far credere al pubblico che sta cadendo a pezzi. Hardy ha la meravigliosa miscela di machismo ed empatia che fa il lavoro necessario. Eddie sembra che riesca a tenerlo insieme così com’è. Nella parte iniziale del suo percorso, Eddie sembra radersi raramente e lotta per mantenere il contatto visivo con le persone intorno a lui. Una volta che tutto cade a pezzi, la performance di Hardy ci suggerisce che l’ uomo che stiamo vedendo è ormai perduto.

Questo è il tipo di ampio approccio psicologico pop alla narrazione dei supereroi che è in gran parte assente dai successi contemporanei, forse perché questi film diffidano di virare nell’assurdità del campo. Venom è innegabilmente assurdo nei punti, caratterizzato dal tipo di battute folli che sono state in gran parte filtrate dai moderni film di supereroi auto-seri in favore di un approccio pulito e standardizzato. C’è un momento in cui Venom che ricorda l’eccentricità a lungo perduta di Hulk di Ang Lee , quando il simbionte si nasconde in un adorabile cagnolino per pochi minuti.

Venom funziona meglio quando si appoggia alla ridicolaggine della sua premessa, inclusa la pesante psicologia. In diversi punti, Eddie e Venom conversano tra di loro, come se lottassero per il controllo dello stesso corpo. In un altro punto, Eddie e Venom si incontrano. Verso la fine del film, Eddie sembra rimuginare sul potere che questa trasformazione grottesca gli dà. “Non è del tutto orribile” , ammette, essendosi riconciliato con il mostro dentro di sé.

Ovviamente, il problema è che Venom si spinge sempre più vicino al modello standard del supereroe mentre si avvicina il climax, e quindi cade nei ritmi familiari. Il film non esplora mai completamente la violazione della fiducia tra Eddie e la sua fidanzata, e non lo tiene mai abbastanza sul punto di spiegare cosa è successo. Sebbene altri personaggi suggeriscano che il suo fallimento sia radicato nel suo personaggio, non riesce mai a superare nessuno dei difetti che identificano quando il film si avvicina al suo culmine. In effetti, il film sottolinea quanto sia bello un ragazzo come Eddie; persino da fallito, dà venti dollari a un senzatetto.

Lo stesso vale per la trama stessa, che implica un ovvio riff sui miliardari della Silicon Valley tech come cattivi capitalisti. Riz Ahmed interpreta Carlton Drake, una figura chiaramente ispirata a personaggi come Elon Musk. È ossessionato dai viaggi nello spazio come mezzo di autoconservazione e ha poca preoccupazione per i limiti come la salute e la sicurezza. Il film fa un vago gesto verso la relazione imbarazzante tra queste aziende tecnologiche e la stampa, ma non si impegna mai veramente.

La performance di Ahmed è interessante in gran parte per quanto sia fluida, sembra consapevolmente senza vita. Ahmed interpreta un Drake in contrasto con Hardy nei panni di Brock. Hardy fa costantemente le cose, mentre Drake sembra singolarmente disinteressato, come un robot pre-programmato senza alcun interesse per tutto ciò che accade intorno a lui al di fuori della curiosità accademica e un amore costante per il suono della sua stessa voce. Drake lavora discutibilmente nei dettagli più fini piuttosto che nel quadro generale; le sue scarpe da ginnastica alla moda sono l’aspetto più ironicamente distintivo del suo personaggio.

Ahmed interpreta Drake come un personaggio che manca completamente di autocoscienza. Loda un bambino per aver fatto domande prima di chiudere un’intervista. Si posiziona come Dio in una rivisitazione della storia di Abramo e Isacco, in cui cerca di argomentare che Isaaco è il vero eroe nonostante la sua totale mancanza di azione. Ahmed interpreta Drake come il tipo di figura che è abituato a battere le persone alla fine delle sue frasi, e quindi non sente più il bisogno di fare uno sforzo. Non è una performance o un personaggio particolarmente memorabile, ma è un approccio decente.

Ancora una volta, il film cade nel terrificante quando si raggiunge il culmine, richiedendo a Drake di ricoprire il ruolo di antagonista minaccioso principale di Eddie Brock. Ciò richiede di abbandonare molto rapidamente una quantità enorme di trama e di oscurare tutta una serie di motivazioni. Venom è il tipo di film in cui un miliardario tecnologico può decidere di lanciarsi nello spazio con letteralmente cinque minuti di preavviso.

Venom si disintegra nel suo climax pieno d’azione, il che è un peccato. C’era del materiale interessante nei primi due terzi, anche se faticava a coesistere anche prima che tutto crollasse in se stesso.

Daredevil di Frank Miller & Klaus Janson RECENSIONE CON RETROSPETTIVA

Trent’anni fa il mondo del fumetto era molto diverso. I personaggi strani erano più che benvenuti – ed anche incoraggiati. I finali stile Deus Ex Machina erano così comuni che era un miracolo che la gente non si fosse stufata. Ma – cosa più importante – i colori erano tutti luminosi e allegri e il concetto di “cupo e grintoso” non era ancora entrata nel vocabolario mainstream.

Qui arriva Frank Miller.

 

                                                                      

Inizia con delle prospettive alte che però non si vedono nei primi numeri. C’è molto da dire sulla sua serie di quaranta numeri di Daredevil e di come quanto fosse stato in futuro iconico e rivoluzionario. Non sono sicuro di cosa mi aspettassi all’inizio, probabilmente di trovare una pietra miliare del fumetto a ogni pagina ma cosi non e’ stato.

                                                                   

Non fraintendermi – in queste storie sono racchiuse tutti quegli elogi che ho fatto sopra se non molto di più. Ma Frank Miller non è un alchimista. Non può creare istantaneamente l’oro dall’aria. Daredevil – quando Miller arrivò – era in cattive condizioni, anche per gli stravaganti standard della Silver Age. In effetti, ha avuto così tanta libertà di riscrivere il personaggio perché il titolo era sull’orlo della chiusura. E, sotto il suo mandato, in realtà è diventato un titolo mensile.

In pochi sanno che Miller originariamente si unì come artista. A poco a poco il suo coinvolgimento è aumentato e poi ha completamente assunto il controllo. Forse l’indicazione più chiara di quante modifiche abbia apportato al fumetto può essere notato dal fatto che la prima storia aveva un gorilla parlante (un membro di “The Unholy Three” ), mentre verso la fine vediamo una tranquilla conversazione  con un nemico storpio al gioco della roulette russa.

                                                                 

La corsa di Miller su Daredevil va a braccetto con l’introduzione di Elektra, uno dei tanti elementi introdotti da Miller che sono rimasti con DareDevil fino a oggi. Quasi immediatamente, vediamo Miller mettersi al lavoro come scrittore. Riduce praticamente la galleria dei ladri di Daredevil fino a Bullseye e importa Kingpin da Spider-Man. Anche se avrebbe scritto una storia con Stilt-Man (sì, il suo status di super criminale era definito dal fatto che aveva i trampoli), era puramente per deridere la natura ridicola del concetto. Avrebbe anche introdotto dei cattivi un po’ meno pazzi nella galleria dei nemici di Daredevil unendoli al concetto di  assassini ninja,ovvero The Hand – tradotto in italia come La Mano-.

Questa è una scelta intelligente per il personaggio – che aveva, in questa fase, un’orrenda selezione di cattivi  – ma forse è anche la prima volta che abbiamo visto un supereroe migrare lontano dai super criminali come nemici tradizionali. Nonostante la presenza di ninja (un sacco di ninja!), Miller mantiene il suo personaggio relativamente integrato nella città, trascorrendo così tanto tempo a lottare con i comuni teppisti come mostri in costume. Sfortunatamente la serie non si occupa mai completamente delle implicazioni di questa mossa verso un’atmosfera noir più radicata – con Daredevil che passeggia in un bar e beve una bottiglia di latte mentre perlustrano gli inferi come se non ci fosse nulla di insolito in un uomo in calzamaglia rossa che passeggiava in un bar grezzo e beve attraverso una cannuccia – è certamente un cambio di direzione interessante per il personaggio.

Nonostante alcuni momenti minori slegati alla trama principale, Miller ha messo insieme un’affascinante collezione di storie noir. Anche se il punto più alto di questa corsa è probabilmente il ritorno di Kingpin nell’arco di Gangwar e il culmine della trama di Elektra in Last Hand , anche le oneshots sono interessanti – in particolare Devils , un capitolo in cui un tumore cerebrale fa sì che Bullseye inizi a vedere tutti intorno a lui come Daredevil, o Lady Killer dove Melvin Potter sembra essere ossessionato dalla sua doppia personalità. Miller è uno scrittore di talento e entrambe le storie giocano su grandi temi sviluppati durante la sua direzione (la decisione di Daredevil di salvare Bullseye ha delle conseguenze in seguito, per esempio). Infatti, dal momento in cui Miller assume il ruolo di scrittore, la serie si legge come un romanzo gigante suddiviso in capitoli: una saga del crimine riccamente dipinta.

                                                                 

È un peccato che il punto culminante del suo mandato intitolato “Resurrection” , non si unisca (anche se non conoscessi la storia dietro le quinte potrei probabilmente dire che Miller non voleva risuscitare il suo ninja assassino dal modo in cui racconta la storia), ma la storia finale, la roulette , compensa ampiamente – una conversazione intima tra Daredevil e Bullseye che rimanda (o in avanti – da quando è stata pubblicata per la prima volta) alla conversazione di apertura di Batman / Joker nel The Killing Joke di Alan Moore . Questi due si uccideranno probabilmente a un certo punto – tranne che la Marvel non vuole rischiare un calo delle vendite uccidendo personaggi popolari.

È ridondante sottolineare quanto sia stata efficace la transizione dai ladri in costume di Daredevil al Kingpin (e forse Bullseye). In un mondo sovrappopolato di personaggi Marvel in costume (incluso il famoso Spider-Man), Miller ha trovato il modo di mettere il personaggio nel suo habitat. Il successo di questo approccio è comprovato dal fatto che l’evoluzione di Daredevil non è mai stata davvero espansa: in effetti, gran parte del lavoro è stato fatto per rendere i suoi ladri già truci e truculenti abbastanza da stare al fianco di Kingpin.

Kingpin – un tempo cattivo di Spider-Man – è perfettamente adatto alla conquista di New York come la descrive Miller, e alla sfiducia delle istituzioni come inevitabilmente corrotta – un tema che ha attraversato tutto il suo lavoro. Miller abilmente permette al personaggio di vincere – di volta in volta – e imposta anche Daredevil e Kingpin su una traiettoria parallela, piuttosto che su una rotta di collisione. Entrambi gli uomini perdono i loro amori in questa battaglia e – come osserva Kingpin stesso – sono più simili di quanto a loro piace pensare.

Il tono “cupo e grintoso” funziona bene, anche se a volte porta ad alcune dissonanze (confrontate il comico sollievo di Turk con una scena ragionevolmente grafica di Kingpin che spacca la testa di un impiegato, ad esempio). Certo, il commento sociale può sembrare un po’ pesante a volte – prendi la guerra del Punitore contro la droga in Child’s Play come esempio – ma questa era un’era in cui alcuni temi dovevano ancora prendere piede.

                                                      

È interessante notare come alcuni dei temi delle storie future di Miller appaiano qui in forma embrionale. Non è un caso, ad esempio, che Bullseye scappi durante un’intervista con i media nello stesso modo in cui The Joker è scappato durante The Dark Knight Returns . O che la corruzione di Kingpin a New York rispecchia lo stato di decadenza di Gotham in Anno Uno .

Le tavole di Klaus Janson (originariamente disegnate a matita da Miller) sono fantastiche e probabilmente meritano di essere viste da sole (anche nei noiosi capitoli precedenti). La coppia si sarebbe riunita in The Dark Knight Returns , ma penso che questo potrebbe effettivamente essere superiore alla loro successiva collaborazione. Il disegno è fluido e lo stile visivo è impressionante. I colori vivaci sono un interessante contrasto con il tono sempre più oscuro dell’opera, e le scelte stilistiche funzionano bene – per esempio, il costume di Daredevil si alterna tra pannelli come il rosso con il nero o il nero con il rosso.

                                                   

Non vi consigliamo di recuperare gli omnibus in quanto avendo tutti numeri rende la lettura più adeguata – e certamente molto più coerente. Inoltre molte raccolte tendono a rimuove la maggior parte dei problemi a livelli di trama. Mentre ho affermato che penso che l’influenza di Miller su Batman possa essere sopravvalutata, non penso che sia possibile sopravvalutare il suo coinvolgimento con Daredevil. Praticamente tutti gli scrittori che gli faranno seguito – in particolare le storie moderne di Kevin Smith, Brian Michael Bendis e Ed Brubaker – si rifanno pesantemente al suo lavoro.

Probabilmente funziona meglio come esempio dell’evoluzione del lavoro di Frank Miller piuttosto che un esempio del suo stesso lavoro. Tuttavia, per quelli con una mente aperta o un interesse per l’evoluzione di uno dei più interessanti scrittori, questo è il consiglio che posso darvi. C’è sempre la sensazione che le cose stiano cambiando e crescendo.

Potrebbe non reggere bene come l’altra corrente principale dei primi anni ottanta – l’amministrazione di Alan Moore su Swamp Thing – ma è una visione davvero affascinante della crescita come scrittore di fumetti e uno sguardo interessante ai primi anni di Miller.

Wolverine di Chris Claremont e Frank Miller – Recensione

È quasi difficile credere che Wolverine abbia avuto la sua prima miniserie solo nel 1982. Il personaggio era apparso per la prima volta in The Incredible Hulk nel 1974, ed era stato cooptato negli X-Men con The Giant X-Men # 1 di Len Wein un anno dopo. Durante la celebre run su Uncanny X-Men di Chris Claremont , Wolverine è diventato un personaggio molto popolare. In effetti, penso si possa sostenere l’argomento secondo cui Wolverine e Storm erano i protagonisti principali dell’epica corsa degli X-Men di Claremont . Eppure, dato quanto è diventato onnipresente il personaggio negli ultimi anni, è impressionante che ci sia voluto così tanto tempo  per ottenere un’avventura da solista. La miniserie Wolverine in quattro parti, scritta da Chris Claremont e illustrata da Frank Miller, è generalmente considerata una delle migliori miniserie che la Marvel abbia mai prodotto, e penso che abbia fornito molto dello slancio e della caratterizzazione che avrebbero sostenuto il personaggio in oltre tre decenni di apparizioni.

Ho notato che nei suoi esordi Wolverine non è il più complesso dei personaggi dei fumetti. Tendo a pensare che, di regola, il personaggio sia ben più utile come parte di un dinamico gruppo, dove può definirsi in opposizione agli altri membri. Penso che gran parte del suo fascino in Uncanny X-Men fosse il fatto che fosse il membro più feroce della squadra, il “ragazzaccio” . Mentre sarei molto riluttante a descrivere il Wolverine di Chris Claremont come un ” anti-eroe “ , ha avuto una caratterizzazione più cattiva, qualcosa che mancava dalla maggior parte dei fumetti in quel momento.

In molti modi, ricordava molto i personaggi di Clint Eastwood, l’icona macho fatta e pronta, pronta per tutto ciò che il mondo poteva lanciargli.  È un personaggio di genere abbastanza convenzionale, e penso che il suo fascino derivi da quanto attentamente Claremont lo abbia definito all’interno di quello stampo. Non penso che sia eccezionalmente profondo o complesso, e direi che lo stesso Claremont lo ammetterebbe.

In effetti, Claremont sembra farlo nell’introduzione alla raccolta della miniserie di quattro numeri. “Per la maggior parte, vedi,” spiega candidamente Claremont, “Wolvie era stato descritto come uno psicopatico assassino, come della nitroglicerina umana, pronto a esplodere in una furia beserker senza preavviso, e probabilmente attaccherebbe anche i suoi amici e compagni di squadra come i suoi nemici . Il problema è che non ti lascia, come scrittore, molti posti in cui andare. “ Quindi, è merito di Miller e Claremont che sono stati in grado di riposizionarlo con abilità nel genere “eroe”, trasformando quella superficialità ed esplorando le insicurezze di Wolverine sull’essere “una bestia vestita in forma umana che non ha onore”.

Vale la pena riconoscere la connessione tra Frank Miller e Chris Claremont. Leggendo una buona parte dell’epopea di Claremont, mi colpisce quanto profondamente riconoscente debba essere la cultura fumettistica a Claremont. Penso che lo scrittore abbia avuto un impatto enorme sul modo in cui gli scrittori producono storie a lungo termine, anche se non ha influenzato fondamentalmente nello stesso modo in cui lo hanno fatto Alan Moore o Frank Miller. Tuttavia, non penso che Claremont sia stato abbastanza riconosciuto per il contributo che ha dato al genere, riconoscendo le opere che sarebbero diventate influenti e iconiche e incorporandole nelle sue narrazioni attuali.

Quindi è possibile rilevare una sinergia tra Miller e Claremont, e le due si adattano abbastanza bene. Questa miniserie di Wolverine si lega immediatamente a diversi fili della celebre storia di Daredevil di Frank Miller , che si è svolta all’incirca nello stesso periodo. Nelle pagine iniziali, Wolverine trova la sua strada per un “Josie’s Bar ‘n’ Grill”, che condivide un nome con il frequentatore notturno che Daredevil frequentava. La trama presenta ampiamente la Mano e li legherebbe alla continuità personale di Wolverine in modo abbastanza saldo, oltre a stabilirli come uno dei molti elementi dell’universo Marvel condiviso che Claremont attingerebbe di volta in volta.

Tuttavia,la svolta più duratura che la serie fà sul personaggio di Wolverine, e probabilmente l’unica connessione più intelligente che abbiamo per quanto riguarda il suo personaggio, sta nell’intrecciare Wolverine nella cultura giapponese. “Logan, sei più giapponese di qualsiasi altro occidentale che abbia mai conosciuto” , suggerisce il suo vecchio amico, Asano Kimura. In realtà è una bella metafora, in quanto Claremont interpreta il personaggio centrale che lotta con i suoi istinti di guerriero e il suo tentativo di essere qualcosa di più.

Il Giappone ha avuto una lunga storia militare. A partire dal 1982, il paese era stato recentemente coinvolto nella seconda guerra mondiale. Ha gestito un’impressionante espansione coloniale durante quel conflitto, ma ha anche attinto una ricca storia militare. Questa era una nazione famosa nella cultura popolare per samurai e ninjitsu, nota per la produzione di guerrieri di ogni tipo. Tuttavia, quella cultura era stata drammaticamente cambiata dopo la seconda guerra mondiale. L’esercito era stato sostituito dalla “Forza di autodifesa del Giappone”. Nel momento in cui questo fumetto è stato pubblicato, il paese aveva ancora un forte sentimento antimilitarista.

Claremont allude a questo fondamentale conflitto interno all’interno del personaggio giapponese. “La nostra famiglia è vecchia quanto quella dell’Imperatore, con una pretesa legittima al trono”, dice il padre di Mariko a Wolverine a un certo punto, riflettendo sui vecchi modi e tradizioni. Tuttavia, deve riportarsi al presente, la realpolitick della situazione. “Ma lo dimentico. Viviamo in un’epoca in cui tali precetti sono diventati effimeri come la rugiada del mattino. “

Indipendentemente da quanto possa cercare di essere pacifico, “la terra del Sol Levante” sarà sempre associata a guerrieri senza tempo come i ninja ei samurai. Questi archetipi eterni e iconici aderiscono ai loro sacri codici d’onore interni, mascherando la ferocia del combattimento e dell’omicidio con la struttura civilizzata di antichi giuramenti e codici. Wolverine riflette su una messa in scena dei 47 Samurai, riflettendo, “È una storia d’onore, di lealtà, della determinazione dei samurai di vedere un corso fino alla sua fine, indipendentemente dal costo. Rappresenta tutte le qualità che i giapponesi amano di più nel loro carattere e patrimonio nazionale “.

I lettori americani indubbiamente assocerebbero Wolverine all’archetipo del cowboy solitario. Leggendo la sua narrazione scritta da Claremont, non è troppo difficile immaginare un giovane Clint Eastwood interpretare il ruolo e interpretarlo come “l’uomo senza nome”. Naturalmente, molti di quegli iconici western sono stati loro stessi fortemente influenzati da classici film di samurai. The Magnificent Seven era The Seven Samurai . Un pugno di dollari era Yojimbo .

È anche interessante il modo in cui Claremont e Miller riescono a sfruttare l’essenza del personaggio senza ricorrere a un gran numero di cliché e senza riprendere particolarmente le vecchie storie pubblicate prima. Mentre la storia fa ricorso al collaudato “vecchio passato dalla storia personale di Wolverine” per far movimentare la storia, c’è una minima dose di angoscia su quanto poco Wolverine potrebbe sapere del suo passato. Mentre Claremont e Miller intrecciano il Giappone nella storia del personaggio, non giocano sul mistero della sua origine come faranno molti scrittori e artisti in futuro.

Vale anche la pena notare che questa storia è stata scritta quando Wolverine era un personaggio mortale, piuttosto che quando il suo fattore di guarigione rendeva il personaggio praticamente immortale. In questi giorni, ci vuole una minaccia come la fine del mondo per dare  del filo da torcere al mutante canadese, dato quanto radicalmente il suo potere di rigenerazione si è evoluto. Qui, tuttavia, Miller e Claremont creano invece una grande quantità di tensione da una minaccia relativamente banale e di strada. Questo è un Wolverine che può ancora essere ucciso da normalissimi ninja.

Questo è un personaggio che si trova nel mezzo del proprio arco narrativo. Wolverine si stava ancora evolvendo sotto la penna di Claremont, e lo scrittore sembra abbracciare l’idea che Wolverine potesse diventare un personaggio molto diverso da quello che è apparso per la prima volta in The Incredible Hulk tanti anni fa. Wolverine sembra sostenere questa sorta di approccio audace e in continua evoluzione alla scrittura di fumetti, poiché Claremont sembra condannare i tentativi pigri di aderire allo status quo.

C’è qualcosa di tragico nel personaggio che la coppia dà a Wolverine, come un personaggio che lotta per essere più di quanto non sia stato in passato. C’è qualcosa di stranamente nobile nei tentativi di Wolverine di migliorarsi, soprattutto in considerazione del suo sordido passato. Sta cercando sinceramente di essere un uomo migliore, il che penso scatena un bellissimo conflitto interno, visto che Miller e Claremont costringono il personaggio a scegliere tra due straordinarie donne giapponesi: Mariko, che parla della sua natura migliore; e Yukio, che fa appello ai suoi istinti più basici.

Wolverine è ancora una lettura meravigliosa anche trent’anni dopo la sua prima pubblicazione. Sebbene non sia il miglior lavoro che sia Claremont o Miller abbia mai prodotto, è caratterizzato da due creatori molto abili che lavorano a qualcosa che si avvicina al meglio del loro lavoro. È una storia semplice, libera dal tipo di convoluzioni narrative che molti si aspettano da una storia di Wolverine , ma penso che sia ancora una lettura fantastica, forse proprio per questa semplicità. Si adatta al suo personaggio principale, tracciando tragedia dalle storie più dirette.

GRADI CGC – COSA SIGNIFICANO?

Quando leggi un fumetti cosa vedi? Energia? Costumi sgargianti? Domande Morali? Passione? Se hai risposto positivamente a tutte queste domande, allora continua a leggere, perché stiamo facendo un tuffo molto profondo nel sistema di classificazione CGC ovvero Certified Guaranty Corporation , il più grande delle società di valutazione

I GRADI DI VALUTAZIONE

Il primo grado di valutazione di un fumetto sono le condizioni di conservazione. Il sistema di CGC differisce dagli altri in quanto parte da una scala che parte da 0,5 fino ad arrivare a 10, invece che da 0,1 a 10. Il 0,5 è sicuramente scadente mentre il 10 è in perfette condizioni.

Tuttavia, CGC aggiunge un ulteriore criterio di valutazione, perché a volte una lettera verrà assegnato al posto di un numero, per indicare una circostanza speciale.

I voti PG e CVR sono due qualificatori che indicano che una parte singola di un particolare fumetto è stata autenticata: PG indica una singola pagina e CVR una copertina (anteriore, posteriore o entrambe). Questi sono comprensibilmente piuttosto rari, in quanto la maggior parte dei collezionisti evita di “distruggere” i propri fumetti e di dividerli. Tuttavia, c’è un valore nel classificare una singola pagina o copertina quando si tratta di un personaggio chiave o di un momento come Action Comics # 1 che ha valore per se stesso. È importante notare che la pagina o la copertina devono poter essere identificate come provenienti da un momento specifico, altrimenti non riceveranno un’etichetta PG o CVR. Ad esempio, la cover posteriore di Amazing Fantasy # 15 appare in altri numeri, quindi non può essere etichettata come CVR.

NG, che significa “No Grade”, generalmente significa che manca la copertina, mancano la metà o più delle pagine interne, o entrambe le cose. Se hai un fumetto che manca di queste parti chiave probabilmente non passerai attraverso le spese di doverlo classificare, e quindi questo è un grado estremamente raro da vedere.

ETICHETTE E COLORI

Ora che ci siamo tolti di la parte più problematica, passiamo ai colori delle etichette CGC, che sono usati per trasmettere ulteriori informazioni sul fumetto che il voto non comporta. Il sistema CGC ha la massima profondità, consentendo una combo in cui viene aggiunto un colore secondario.

Universale (blu)

Risultati immagini per CGC Universal Blue Label

L’etichetta blu, come suggerisce il nome, viene assegnata a un fumetto completo e non firmato. È la piu comune tra le etichette: semplice senza nulla in più. La maggior parte dei fumetti riceverà questa etichetta. È generalmente auspicabile perché implica che il fumetto è completo e non è stato restaurato (ne parleremo più avanti).

Risultati immagini per CGC Universal Blue Label

 

 

Serie Signature (giallo)

Risultati immagini per Signature Series (Yellow) CGC

L’etichetta gialla indica che il fumetto è stato firmato in un apposita confezione di plastica di CGC che garantisce che le condizioni esterne non abbiano influito sulle condizioni del fumetto e può essere acquistato direttamente da loro per $ 99,99. Sembra stravagante.

Come può un fumetto, chiuso all’interno della plastica CGC, poter essere aperto, autografato e poi riautenticato?

Dopo alcune ricerche, possiamo affermare che è corretto, un’etichetta gialla in realtà significa che ha una firma autentica, e un altra firma di un testimone che rappresenta CGC.

In pratica, al momento della firma, il rappresentante CGC aprirà la confezione e sarà testimone della firma. Dovresti quindi pagare per averlo ridisegnato e potenzialmente ri-classificato.

 

Immagine correlata

 

Qualified (verde)

Risultati immagini per Qualified (Green)CGC

Hai notato che per la firma gialla è richiesto un rappresentante CGC per assistere alla firma? Se hai avuto l’audacia di far firmare un fumetto senza un rappresentante, ti ritroverai con un’etichetta verde.

Il significato dell’etichetta è in realtà un po ‘più ampio, nel senso che il fumetto ha qualche “difetto” che richiede una descrizione. Questo difetto potrebbe essere la firma non verificata di cui sopra, o qualcosa che manca. Un esempio fornito da CGC è considerare un fumetto con un coupon interno. In tale condizione è un’etichetta blu 6.0. Se dovesse mancare un coupon, dovrebbe essere assegnato un grado Blue molto più basso, ad esempio 4.0. Comunque può invece essere dato un Green 6.0 con una nota che manca il coupon, evitando così il 4.0.

Questo gioco di prestigio è tuttavia giustificato dai collezionisti, pertanto le etichette blu hanno spesso più preferenze delle etichette verdi con lo stesso grado (o forse più alto).

 

Risultati immagini per Qualified (Green)CGC

Restaurato (viola)

Risultati immagini per Restored (Purple) CGC
L’etichetta viola è molto temuta. Di solito, il proprietario di un fumetto appena etichettato con il marchio viola apre il pacco di spedizione e si getta immediatamente in un angolo a piangere. Ogni volta che viene assegnata una di queste etichette, l’intero ufficio CGC si raduna per un minuto di silenzio.

Ok,  non è poi così male, ma Purple è ovviamente il meno desiderabile delle etichette che abbiamo trattato fino ad ora perché significa che il lavoro di restauro è stato eseguito, mettendolo in una classe separata dalle altre etichette. Il fumetto verrà comunque classificato, ma verrà anche assegnato un secondo grado su questa scala dopo che CGC ha valutato la qualità del restauro. Indipendentemente dalla qualità, tuttavia, il valore del fumetto ha un impatto significativamente negativo.

 

Risultati immagini per Restored (Purple) CGC

Le etichette con piu colori

Come accennato in precedenza, CGC fa un ulteriore passo avanti, combinando i suddetti concetti per creare etichette con due colori per situazioni estremamente specifiche.

Conservato (blu / grigio)

Risultati immagini per Blue/Grey CGC
Simile al viola, ma le riparazioni significative sono state fatte solo per migliorare l’integrità strutturale o la conservazione a lungo termine del fumetto. Molte volte la CGC stessa scrive: “Queste riparazioni includono strappi, segni, riattacco pezzi e alcuni tipi di pulizia”.

Serie Signature conservata (giallo / grigio)

 

Simile al blu / grigio sopra, ma con una firma autenticata.

 

Serie Signature qualificata (giallo / verde)

Immagine correlata
Un fumetto verde con una o più firme autenticate. Si noti che un fumetto potrebbe avere due firme, una autenticata (rendendola gialla) e una che non lo è (rendendola verde). Allo stesso modo, il fumetto potrebbe mancare una pagina (rendendola verde) con una firma autorizzata sulla copertina (rendendolo giallo).

Serie Signature restaurato (giallo / viola)

Risultati immagini per Yellow/Purple CGC
Un fumetto restaurato con una firma autenticata.

 

Infine, CGC ha anche utilizzato un’etichetta rossa per indicare i fumetti prodotti dopo il 1975 . È stato usato solo per un breve periodo ed è stato sostituito dall’etichetta Blue.

CGC Red Label - What If? #1 9.0

 

Road to #1000: annunciate le variant per il #1000 di ACTION COMICS

Hanno finalmente annunciato (e finalmente, direi) le variant del numero 1000 di ACTION COMIC, un numero a dir poco leggendario che non può assolutamente mancare sullo scaffale di un collezionista.

Ai seguenti link potete vedere le variant e anche ordinarle (in arrivo il 18 Aprile)

 

1930s by Steve Rude

Ordina ora

 

1940s by Michael Cho

Ordina ora

 

1950s by Dave Gibbons

Ordina ora

 

1960s by Michael Allred

Ordina ora

 

1970s by Jim Steranko

Ordina ora

 

1990s by Dan Jurgens and Kevin Nowlan

Ordina ora

 

2000s by Lee Bermejo

Ordina ora

 

 

Al momento, le uniche variant mancanti sono la BLACK e la 1980’s.

 

 

ARRIVANO I GHOSTBUSTER IN FUMETTERIA GRAZIE FLAMIVAL

È finalmente arrivato in Italia, grazie a Edizioni Flamival, il fumetto dei Ghostbusters!
Dopo i film e la serie animata, le avventure dei cacciatori di fantasmi più improbabili e divertenti del pianeta vengono raccontate attraverso vignette e balloon, dando vita ad un nuovo universo, dove
Peter Venkman, Raymond Stantz, Egon Spengler e Winston Zeddemore sono pronti ad affrontare nuovi fenomeni paranormali!
NON PERDERE I PRIMI DUE VOLUMI!!

 

GHOSTBUSTERS 1 – L’UOMO DELLO SPECCHIO
di Erik Burnham & Dan Schoening

Un sogno piuttosto inquietante turba il riposo di Ray. Avrà forse ragione Egon che sospetta si tratti di una premonizione? E, mentre un avvocato rampante viene posseduto, Peter e Winston incontrano una vecchia conoscenza spettrale. Nuvole fantomatiche si addensano sulla Grande Mela e le valenze di energia psicocinetica sono già schizzate alle stelle. Il Terzo sta arrivando… Ray, Peter, Egon e Winston dovranno ancora una volta darsi da fare per salvare il mondo…Ma chi li salverà da Walter Peck? Forse Janine?

Formato: brossurato, 21×17 cm
Pagine: 104, a colori
Prezzo al Pubblico: € 13,70

Immagine incorporata 6

 

 

GHOSTBUSTERS 2 – IL LUOGO PIÙ MAGICO DELLA TERRA
di Erik Burnham & Dan Schoening

In virtù di un contratto firmato e controfirmato, Walter Peck ha temporaneamente proibito agli Acchiappafantasmi di accettare qualsiasi lavoro nella città di New York, senza la sua esplicita autorizzazione. Incapaci di farsi ostacolare da Peck, i nostri tentano di ignorare il suo editto ed accettano una missione a Schenectady. Si tratta semplicemente di un luna park infestato cosa potrà mai andare storto?

Formato: brossurato, 21×17 cm
Pagine: 104, a colori
Prezzo al Pubblico: € 13,70

Immagine incorporata 6