Batman – Endgame di Scott Snyder e Greg Capullo (Recensione)

Scott Snyder e Greg Capullo presentano Batman in uno stato costante di apocalisse.

Il duo ha riportato Batman ad essere nuovamente un fumetto di successo, al punto che sembra che Batman fissi la fine di tutte le saghe più spesso del resto dei supereroi (soprattutto sulla Justice League di Geoff Johns) Tutte le storie principali di Snyder e Capullo hanno collocato Gotham City sull’orlo dell’abisso, barcollando (e persino cadendo) nell’oscurità. È in netto contrasto con le minacce create da Snyder su The Black Mirror , un’affettività molto consapevole per riflettere il fatto che Batman è uno dei titoli di maggior successo del settore dei fumetti.

Riportando le risate ...

In The Court of Owls , Gotham si trova sottoposto a una lunga notte di terrore da un esercito di non morti assassini. In Death of the Family , il Joker si fa strada attraverso la città. Nell’Anno Zero, l’origine di Batman è legata a un disastro su vasta scala in stile No Man’s Land . Anche al di fuori del suo lavoro sul titolo principale, il ruolo di Snyder come “produttore esecutivo” di Batman Eternal vide l’ennesima apocalisse su Gotham in un tempo relativamente breve. Diventa estenuante dopo un po’.

Per essere onesti, è ragionevole chiedersi se questo è solo parte di un contesto culturale più ampio. La cultura pop è sempre stata affascinata dalla fine del mondo, ma sembra sempre più fissata sul concetto negli ultimi anni. La popolarità del genere zombie è solo un esempio, ma qualsiasi lista di arte critica e commercialmente vincente nel ventunesimo secolo affronterà il lettore con molteplici fini di tutte le cose. The Walking Dead , The Road , Mad Max: Fury Road , Jericho , Revolution , Book of Eli , e così via.

"Hm. Forse dovremmo prendere in considerazione la consulenza ...?"

Tuttavia, la cultura popolare non è solo affascinata dall’orrore post -apocalittico. Sempre più spesso, i media si impegnano con la domanda su come sarà la fine del mondo, piuttosto che sulla questione di come potremmo sopravvivere. Fear the Walking Dead descrive la fine del mondo che ha portato alla sua serie principale. Chris Carter ha rianimato X-Files in modo che l’episodio finale potesse raffigurare la fine del mondo come prefigurata durante le originali nove stagioni. Con i progressi della CGI, blockbuster come The Avengers e Man of Steel possono rendere la distruzione su una scala impossibile.

Come tale, Scott Snyder e il fascino ricorrente di Greg Capullo per la fine di tutte le cose esiste come parte di un più ampio contesto culturale. Tuttavia, lo scrittore e l’artista sembrano posizionare Endgame come l’apocalisse definitiva per i suoi due personaggi centrali.

Bruciare la casa ...

Endgame parla molto della fine di Batman. Non la morte, necessaria, ma il punto in cui Batman finisce. Scott Snyder lo chiarisce in molti modi diversi, basandosi sul suo uso del simbolismo e delle immagini per rafforzare il tema nel corso dell’arco di sei numeri.

Bruce si trova di fronte alla sua fine più e più volte. I particolari non sono importanti. Tutto ciò che conta è che arriverà un punto in cui Bruce Wayne morirà. (Anche se sembra inevitabile che Batman sopravviva).

Gordon ha un'ascia per macinare ...

Questa è la tesi centrale di Endgame , come delineato nelle pagine finali. Come con molti lavori di Snyder sul personaggio, Endgame gioca con temi che Grant Morrison ha esplorato durante il suo lungo periodo di otto anni sul titolo. Mentre Morrison insisteva nel dire che Batman (e Bruce Wayne) sarebbero vissuti per sempre, tornando inevitabilmente al punto in cui aveva iniziato come parte di un più ampio ciclo mitico, Snyder rifiuta questa lettura di Batman. Mentre Snyder enfatizza l’iconografia e le immagini associate a Batman, sottolinea che Bruce è solo un uomo.

Inoltre, la mortalità di Bruce fa parte dell’appello di Snyder. Nel monologo  conclusivo della storia, Alfred riflette: “Batman potrebbe vivere per sempre. Poteva scappare. Ma lui no. Muore, proprio come tutti noi, anche se non è necessario. “ Secondo Snyder, questo è ciò che rende Bruce così avvincente e così unico. Bruce vive in un mondo con alieni e maghi.

La tensione è attraverso il tetto ...

La sceneggiatura di Snyder al numero finale lo rende ancora più esplicito. Delineando il suo piano per l’ultima pagina, Snyder suggerisce che in origine Bruce avrebbe scritto una nota a Julia spiegandole il tema della storia:

Oltre a questo, narrerò le ultime parole di Batman a Julia dalla caverna. Lui le dirà di no. Aveva molte opportunità di prendere alcune cose che lo avrebbero reso immortale. O renderlo più di un uomo. E lo ha quasi fatto un paio di volte. Ma il fatto è che sapeva sempre, in fondo, che ciò che rendeva speciale Batman era che lui era uno di noi.

Ciò fornisce forse il contrasto centrale tra Batman e il Joker in Endgame . Ci sono diversi modi in cui Batman e il Joker possono essere confrontati e contrastati, ma Endgame posiziona l’accettazione di Bruce Wayne della sua mortalità con l’ostinata insistenza del Joker sulla sua trascendenza. Endgame trova il Joker presentarsi come una forza mitica, come qualcosa di più di un super criminale psicotico. Il Joker cerca di trasformarsi in qualcosa di più di un semplice uomo.

In molti modi, i tentativi del Joker di costruire una mitologia intorno a sé forniscono uno specchio nitido ai tentativi di fare qualcosa di simile con Batman, in particolare in The Return of Bruce Wayne di Grant Morrison . Mentre Morrison (riprendendo un precedente lavoro di Peter Milligan) ha suggerito che il Batman era una forza primitiva che perseguitava Gotham molto prima dell’omicidio di Thomas e Martha Wayne, il Joker cospira a gettarsi come una forza equivalente. Il Joker si reinventa come “l’uomo pallido” o “l’uomo dionisiaco di Gotham”.

                                                   Gotham è a pezzi ...

Questi tentativi di costruire una mitologia sono seminati nel corso della storia principale, con il Joker che appare in vecchie fotografie e suggerisce una lunga associazione con Gotham risalente ai coloni europei e ai Miagani . Sono rinforzati attraverso le storie di back-up scritte da James Tynion IV, in cui viene esplorato il dono del Joker per la reinvenzione. Mahreen Zaheer ascolta le storie alternative del Joker, raccontate da cinque detenuti di Arkham, scoprendo contrazioni e impossibilità mentre il Joker cerca di “modellare la sua storia”.

Il Joker tenta di costruire la sua storia soprannaturale in queste storie di supporto. Forse la più memorabile di queste storie riguarda un clown viaggiante assassinato dai cittadini all’inizio della storia della città. Il pagliaccio è stato bruciato vivo e la città ha coperto i suoi crimini nel modo in cui le città tendono a coprire i loro crimini nel folklore. Hanno anche “venduto la terra a qualche compagnia chimica” , suggerendo che il Joker potrebbe avere un legame metafisico più profondo con la Ace Chemical, un luogo con le sue stesse associazioni mitiche. Bruce identifica è come il luogo “dove tutto ha avuto inizio”.

                                                        Uomo o mostro ...

Questo ritratto del Joker con una storia posteriore malleabile non è una novità, anche se Endgame suggerisce una storia molto più ampia ed epica della maggior parte delle potenziali origini del Principe del crimine. Snyder e Capullo sono piuttosto provocatori, con  Endgame che si impegna pesantemente all’idea di una forza primordiale e mitica prima di ritirarsi nel numero finale della storia. Come in molti casi, Snyder e Capullo hanno la sensazione di essere iconoclasta, sfruttando il potenziale del riavvio per stuzzicare trame che prima non sarebbero state realizzabili.

Dopo tutto, The Court of Owls è una storia che tratta in gran parte lo sfruttamento delle lacune nella continuità creata da Flashpoint . L’idea che Bruce Wayne avrebbe potuto avere un fratello segreto sarebbe stata ridicola prima del riavvio, ma il ripristino della continuità ha messo molte opzioni sul tavolo. Raccontare una storia originaria di Batman in continuità mentre l’ Anno Uno esisteva sarebbe stato impensabile, ma il reboot rese possibile l’ Anno Zero . Allo stesso modo, l’idea del Joker come forza totemica è qualcosa che sembra un po’ meno ridicola nella moderna continuità.

È saltato fuori dal nulla.

Il Joker lo riconosce persino nel suo confronto con Batman. “Se solo avessi conosciuto meglio la tua città!” Scherza il Joker, riprendendo l’idea che la Corte dei Gufi sia stata in grado di scivolare tra le pieghe di Gotham. “Se solo tu fossi il Bat-King di cui avevi bisogno!” Tuttavia, mentre Snyder e Capullo hanno già giocato questa ambiguità, ci si allontanano alla fine di Endgame . L’ultima parte suggerisce che il Joker non è una forza primordiale di Gotham, ma sta invece bluffando. Lui è il Joker, per essere onesti.

In effetti, la trama deve un debito considerevole ad Alan Moore e al lavoro di Brian Bolland su The Killing Joke , come riconosce Tynion nei suoi backup. Discutendo della sua storia, il Joker confessa: “Preferisco non pensarla come una scelta multipla … è più scegliere la propria avventura.” Questo è un riff piuttosto consapevole forse la linea più memorabile e iconica del personaggio in tutti i suoi settanta anni di storia, una che arriva con una piccola quantità di ironia dato che è apparso alla fine di un romanzo grafico incentrato su una sola storia d’origine. Endgame è in ultima analisi conservatore.

                                                        Hanno una grande chimica insieme ...

Poi di nuovo, tutto questo ha uno scopo molto chiaro. I tentativi del Joker di modellare la propria mitologia e di elevarsi oltre la semplice mortalità sono ritratti come grotteschi e orribili, uno scherzo cupo. Questi sforzi sono in netto contrasto con l’accettazione da parte di Bruce Wayne del suo posto di uomo mortale. Endgame sembra suggerire che Batman sia solo un uomo, al di sotto di tutto. Batman non è un costrutto mitico che si è annidato a Gotham in attesa di manifestarsi. Batman è finito, almeno in questa incarnazione.

Quindi, abbastanza appropriatamente, c’è una nota di finalità per Endgame . Snyder e Capullo rimarranno su Batman per un altro anno dopo questa storia, e vedranno Bruce tornare a reclamare il cappuccio che lascia qui. Tuttavia, è chiaro che la coppia vede Endgame come una conclusione per il personaggio. In effetti, Snyder e Capullo applicano con attenzione anche la simmetria, quasi a voler dire che tutto è arrivato al punto di partenza e alcuni temi chiave sono stati risolti.

Endgame trova Bruce che contempla la sua morte. In effetti, la sceneggiatura di Snyder suscita persino l’idea che Batman sia stata una specie di morte vivente per Bruce. L’ultima volta che Bruce si sentiva veramente mortale, suggerisce Snyder, era al momento prima di entrare in contatto con l’oscurità che avrebbe generato Batman. “L’ultima volta che ricordo di aver creduto – credendo davvero – stavo per morire, avevo tredici anni, cadendo nell’oscurità della caverna” , riflette. È un sentimento che suggerisce forse che Batman fosse un sogno febbricitante, un respiro prolungato in quel tuffo nell’oscurità.

Pooling risorse.

In effetti, questo sottolinea l’ironia nel cuore di Endgame . L’arco successivo di Snyder e Capullo, Superheavy , suggerisce che la morte di Batman permetta la resurrezione di Bruce Wayne. Forse la vita e la morte esistono in un equilibrio più delicato per Batman. Forse Batman ha sempre rappresentato la morte di Bruce Wayne, nato dalla perdita apocalittica di Thomas e Martha Wayne. In quanto tale, la morte di Batman rappresenta una svolta della ruota proverbiale? La morte e la fine di Batman permettono a Bruce Wayne di rivivere?

Per essere giusti, i cicli mitici spesso seguono la morte con una forma di rinascita. La morte di Batman in Endgame porta infine a due nascite separate, la resurrezione di Bruce Wayne e una nuova forma di Batman. Questo è vero anche per le storie sull’apocalisse e la fine del mondo. Per definizione, le narrazioni post-apocalittiche si concentrano sulle vite dopo la fine di tutte le cose. La maggior parte degli insegnamenti religiosi sulla fine del mondo presuppongono l’esistenza di qualche forma di vita al di là di ciò che finisce. Tuttavia, anche ammettendo ciò, Endgame è positivamente apocalittico nel tono e nelle immagini.

Che cazzo.

Batman ha affrontato la fine del mondo prima, in molti modi diversi in molte storie diverse. Nel corso di Endgame , Snyder e Capullo alludono a un bel po ‘di quelle storie. Endgame scopre che il mondo di Batman crolla intorno a lui. Una tossina virale del Joker attraversa Gotham, come nel triste futuro di Batman Incorporated . Joker e Batman sono bloccati insieme in una fatale lotta in un tunnel, come in The Dark Knight Returns . (A un certo punto, Snyder  sembra proprio voler evocare il classico di Frank Miller.)

Le immagini del giorno del giudizio pervadono Endgame . Batman si trova di fronte a un’apocalisse di zombi che è appena stata proiettata nell’immagine del Joker. Le opere di Capullo evocano classici dell’orrore come La notte dei morti viventi nel suo ritratto di una città trasformata dall’apocalisse virale, Jim Gordon si nasconde in una casa con le finestre sbarrate mentre Batman corre nei corridoi di un ospedale che si dice infestato. I cittadini trasformati vagano per la strada, quasi selvaggi. La Justice League è fuori combattimento e Gotham brucia.

Endgame segnala il suo fascino per il giorno del giudizio dalle sue pagine iniziali. Il monologo introduttivo di Bruce parla dell’apocalisse evitata durante Zero Year . Quando Bruce viene attaccato dalla Justice League, mette in atto “Plan Fenrir”. In modo abbastanza appropriato, il suo protocollo difensivo prende il nome da un pezzo di mitologia nordica legato a Ragnarok. Fenrir è il lupo predetto per uccidere Odino durante la fine del mondo, adattandosi alle immagini di un arco che vede bruciare Gotham e tutto diventa cenere.

Allo stesso tempo, c’è qualcosa di abbastanza drenante in tutto questo. Come supervisionato da Scott Snyder e Greg Capullo, Batman sembra essere stato bloccato in una costante e perenne apocalisse. Escludendo le brevi storie in una o due parti che scandiscono la corsa, sembra che Batman guardi costantemente verso il basso la fine della vita a Gotham in una forma o nell’altra. Snyder e Capullo posizionano Batman come una vera e propria Lega della giustizia, con il primo capitolo di Endgame che rende il confronto piuttosto letterale.

La Corte dei gufi ha spazzato via la maggior parte delle infrastrutture della città come parte del crossover Night of the Owls . Il Joker ha cercato di avvelenare il serbatoio in Death of the Family . L’Enigmista ha riportato la città all’età della pietra in Zero Year . Sembra che Gotham abbia sopportato più eventi cataclismatici nel corso di Batman Eternal . Dall’inizio della “nuova 52” , sotto la penna di Scott Snyder, sembra che ogni giorno sia il giorno del giudizio a Gotham; la città è più volte ribaltata dagli orrori sulla scala di The Dark Knight Rises o No Man’s Land .

Per essere onesti, questo non è irragionevole nella continuità dei fumetti. Alla fine degli anni ’90 Gotham rimbalzò da Contagion a Cataclysm fino a No Man’s Land . Inoltre, Snyder e Capullo sembrano aver posizionato Batman tra i “blockbuster” del settore , una scelta che giustifica il senso delle storie. Più precisamente, la natura estesa di The Court of Owls e Zero Year consente a un po’ più di spazio affinché le sfide aumentino gradualmente man mano che le storie progrediscono.

                                                   Tenendolo a portata di mano ...

Quindi, di nuovo, questo probabilmente riflette la modalità predefinita delle storie dei supereroi moderni, in cui le minacce aumentano costantemente. Non basta più fermare un rapinatore di banche o un ostaggio. Come gli eroi sembrano crescere di statura, così devono fare le minacce che devono affrontare. I cattivi ora possono minacciare il tessuto della realtà stessa. Anche all’interno di Endgame , il Joker è elevato a una credibile minaccia per l’intera Justice League e capace di intrufolarsi tra tutti i trofei (tra cui un gigantesco penny e un dinosauro robotico ) della Batcaverna prima che Batman possa tornare a catturarlo.

Per essere onesti, questo non è un problema limitato solo alla narrativa dei supereroi. Blockbuster simile è diventato fisso sulla scala di devastazione che può essere resa sullo schermo, da film catastrofici come The Day After Tomorrow a franchise di fantascienza come Transformers . È interessante chiedersi da dove sia venuta questa fissazione su scala apocalittica. E’ un riflesso delle ansie culturali contemporanee, una sorta di impulso di morte subconscio proiettato sullo schermo? Oppure i progressi nella tecnologia CGI hanno semplicemente reso più facile (e più comune) il rendering di tali orrori?

                                                   Una trama di fiala.

Certamente, il tenore apocalittico di Snyder e Capullo nella corsa di Batman non è unico nel più ampio contesto della cultura popolare. Non è nemmeno unico nel più ampio contesto dei miti di Batman . Le vibrazioni apocalittiche che attraversano Endgame e Zero Year non sono troppo lontane da quelle che attraversano il climax di Batman & Robin o Batman Incorporated di Grant Morrison , per non parlare delle classiche storie di Batman come The Dark Knight Returns o Knightfall o No Man’s Land .

Ciò che è unico è la frequenza e l’intensità di quell’immaginario apocalittico. Per Grant Morrison, la minaccia a Gotham si manifestò al culmine del secondo e del terzo atto della sua epica storia di Batman , con tanto spazio nel mezzo. Knightfall e No Man’s Land erano distanziati da circa cinque anni, il che significava che c’era molto tempo per le avventure in mezzo. Mentre Snyder e Capullo hanno realizzato un paio di storie più piccole, la maggior parte della loro corsa è composta da narrazioni epiche che hanno costruito questo tipo di minaccia.

Per essere onesti, Snyder e Capullo lavorano duramente per rendere la fine del mondo in Endgame diversa dalla fine del mondo in Zero Year . Mentre Zero Year è sempre stata una grande storia di supereroi di grande successo, Endgame è costantemente incorniciato da un orrore psicologico inquietante. Il tono della storia è consciamente malata. Sembra che persino la logica della storia che Bruce Wayne dà per scontata sia stata erosa e corrotta.Inoltre, non sembra che sia passato molto tempo da quando Snyder e Capullo hanno fatto la loro ultima grande storia di Joker in Death of the Family . Il Joker non è andato via abbastanza a lungo per un ritorno in Endgame per sentirsi del tutto giustificato. Per essere onesti, è passato un anno e mezzo tra il numero finale di Death of the Family e il primo numero di Endgame ; tuttavia, un anno intero di quello è stato ripreso con la storia dell’Anno Zero che è accaduto per caratterizzare un proto-Joker come uno dei suoi personaggi principali.

Affronta ...

Endgame è una storia di Batman intelligente e affascinante che rivela molto di come Scott Snyder e Greg Capullo vedono il loro protagonista. Sfortunatamente, non ha l’impatto che avrebbe potuto avere se questa minaccia fosse stata più di un altro giorno a Gotham.

 

In italia è stato pubblicato dal numero 37 al 42 di Batman col titolo “Gioco Finale” edito da Rw Lion.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *