Venom: Recensione senza spoiler

Il trauma è una pietra miliare del genere supereroistico.

A volte quel trauma è emotivo; la morte di Thomas e Martha Wayne, la perdita dello zio Ben, l’esplosione di Krypton.                                      A volte quel trauma è fisico; ti rivestono lo scheletro di metallo liquido e la tua memoria viene cancellata, ti trasformi fisicamente in qualcosa di irriconoscibile, ecc ecc . Per citare erroneamente Stan Lee, “da un grande potere derivano grandi responsabilità”. Il più delle volte arriva anche con grande sofferenza.

Nei suoi momenti migliori, Venom sembra rendersene conto. Al centro di Venom, il personaggio traumatizzato è Eddie Brock, che ha assistito alla distruzione di tutta la sua vita e che improvvisamente si ritrova a condividere il suo corpo con un’entità aliena assassina con mostruosi appetiti. Brock è interpretato da Tom Hardy, uno di quei rari attori con immensa presenza fisica e incredibilmente vulnerabilità. Incredibile e trasandato, con i tatuaggi sbiaditi e gli indumenti che sembrano non essere stati lavati, Eddie sembra aver passato l’inferno prima ancora della sua esperienza di trasformazione.

Ci sono momenti in cui Venom sembri quasi come uno strano thriller psicologico su un personaggio che vive una pausa in tempo reale dalla realtà, un reporter che sta perdendo la sua fragile presa sulla realtà dopo aver subito l’ennesima battuta d’arresto personale e professionale. Mentre la situazione peggiora, Eddie inizia a sentire voci nella sua testa e perde il controllo del suo corpo. Si trova in una situazione in cui accadono cose terribili, ma è in grado di dissociarsi dalla brutalità e dalla violenza. Venom non si impegna mai completamente in questa idea, ma ribolle attraverso la storia.

I primi due atti di Venom sono scomposti e irregolari, che soffrono di una sfocata mancanza di dettagli e non si concentrano su nessuna delle idee centrali del film. Tuttavia, il film sopravvive in gran parte sulla forza delle prestazioni di Tom Hardy e sulla stranezza del concetto. Tuttavia, le cose cadono a pezzi nel terzo atto. Parte di questo è dovuto al fatto che Venom sente il bisogno di trasformarsi in un normale film di supereroi quando raggiunge la sua conclusione. Parte di questo è perché Ruben Fleischer non può dirigere l’azione. Parte di questo è a causa della collisione di un’esposizione maldestra e di immagini confuse generate al computer.

Venom perde quel piccolo controllo che ha di se stesso quando raggiunge il suo apice.

Il terzo atto di Venom è un disastro, uno dei peggiori terzi atti di qualsiasi blockbuster di grosso budget. Alcuni di questi problemi sono puramente concettuali, in base al fatto che Venom sente il bisogno di offrire il tipo di spettacolo che le persone si aspettano da un moderno blockbuster; questo significa momenti alti, effetti speciali complicati e sequenze guidate dall’animazione generata al computer. Niente di tutto ciò è bello e lascia un sapore molto aspro.

Il culmine di Venom sente la necessità di mettere il destino del mondo in bilico, come lo è l’impostazione predefinita per i moderni successi dei supereroi; si pensi agli antagonisti nichilisti di film come Thor: The Dark World o Doctor Strange , cattivi che vogliono distruggere il mondo perché i moderni blockbuster credono che il pubblico voglia quel livello di minaccia. In molti forum si parla dell’efficacia di questo approccio, sul fatto che i film abbiano bisogno di quel senso di pericolo, o se il pubblico moderno possa investire in interessi più intimi come quelli di Spider-Man: Homecoming .

Venom non smette mai di fare questo genere di domande, e così il film ha bisogno di aumentare il pericolo piuttosto drasticamente andando al suo terzo atto in un modo che si sente completamente inorganico con tutto ciò che è successo a quel punto. Il terzo atto di Venom è un corso di go-kart, pieno di colpi di scena ma senza spazio sufficiente per costruire un momento. Il terzo atto rivela, in una successione incredibilmente rapida , ciò che l’omonimo mostro stava progettando di fare sulla Terra, perché non lo fa più ora che il pubblico sa di cosa si tratta e chi altro sta pianificando qualcosa di simile.

Su un livello di trama pura è vertiginoso, inducendo al colpo di frusta. Al pubblico viene chiesto nel corso di trenta secondi di spiegazione di rinnovare completamente la loro comprensione della relazione tra Eddie Brock e il parassita che vive nel suo corpo non meno di tre volte. Di conseguenza, nulla di tutto ciò ha alcun impatto. Nessuna rivelazione ha il tempo di affondare prima che venga sostituita con una nuova informazione che ricontestualizza l’intero arrangiamento.

Questa carneficina si riflette nella regia. Ruben Fleischer non è un regista d’azione, certamente non alla portata di cui ha bisogno un film come questo. È sempre difficile creare una tensione tangibile tra due blob generati dal computer che si colpiscono a vicenda, ma l’editing e il ritmo della sequenza d’ azione climatica non aiutano. Due entità superpotenti si lanciano su un razzo al culmine di Venom , ripetutamente avvolte nel fuoco e lanciate e girandosi l’una sull’altra, ma nessuna visivamente è interessante. Molto poco è persino visivamente chiaro.

Tutto questo è un peccato, perché c’è un sacco di materiale interessante che porta a questo disastroso lancio del terzo atto. I primi settanta minuti di Venom sono tutt’altro che perfetti, ma sono almeno coinvolgenti. Hanno una varietà di idee sottosviluppate che sono almeno intriganti, e il tutto è elevato da un’affascinante performance centrale di Tom Hardy come Eddie Brock. Sarebbe troppo dire che Venom lavora costantemente anche durante i suoi primi due atti, ma funziona quel tanto che basta per far andare avanti le cose.

Molto di questo è dovuto a Tom Hardy. Potrebbe essere troppo dire che Hardy è particolarmente bravo nel ruolo, ma la sua performance è sicuramente ottima. Di rado c’è una scena senza una scelta interessante da parte di Hardy che ravviva anche il più superficiale o banale dei take. Anche la sua prima esposizione è piena di scelte di performance stranamente forti. Durante il montaggio introduttivo che lo istituisce come reporter, si ferma a metà di una frase per controllare i suoi appunti. “Il problema dei senzatetto è …” Controlla i suoi appunti, guarda la telecamera. “… crescente.”

In un certo senso, Venom si sente come un supereroe, una strana reliquia di un tempo prima dell’attuale boom dei supereroi. Sembra molto simile al tipo di film che potrebbe essere stato introdotto alla produzione nei primi anni del ventunesimo secolo, dopo il successo di X-Men o Spider-Man , ma da persone che non hanno riconosciuto gli eroi sulla carta. Venom è uguale a film come Daredevil , Elektra , Ghost Rider o anche The Punisher .

L’atmosfera del primo ventunesimo secolo è rafforzata in diversi modi. La title track di Eminem si sente come un marker culturale di un tempo precedente nella produzione cinematografica, e non solo perché Eminem si sente come un artista del millennio. Il singolo da legare è un’arte perduta da tempo, qualcosa di largamente trascurato e dimenticato al di fuori di casi eccezionali come The Greatest Showman o A Star is Born .

Questa scelta colonna sonora richiama l’inclusione di Nickelback nella colonna sonora di Spider-Man o la canzone degli Evanescence  Bring me to life (o anche My Immortal) in Daredevil . Probabilmente potremmo tornare ancora più indietro, al punto che artisti dai grandi nomi potevano persino creare versioni e video musicali sul blockbuster, come Hold Me, Thrill Me, Kiss Me, Kill Me o Kiss from a Rose (on the Grave) in Batman Forever.

Tuttavia, ci sono altri aspetti di Venom che evocano quei precedenti film di supereroi pre- Batman Begins e pre- Iron Man . In particolare, il fatto che le caratteristiche dei personaggi sullo schermo hanno ben poco a che fare con la proprietà intellettuale che ha fornito le basi per il film oltre una somiglianza superficiale e l’uso di poche parole chiave; pensa a film fuorvianti come Catwoman o Steel . C’è molto poco in Venom che ha delle radici solide nell’identità cartacea del personaggio, al di là del suo nome e del fatto che sia un “simbionte”.

Ci sono dei validi motivi, naturalmente. Più ovviamente, la difficoltà nel realizzare un film di Venom senza Spider-Man. Dopotutto, il personaggio di Venom è definito dalla sua relazione con Spider-Man. Spazzolando ogni continuità o storia condivisa, Venom è l’archetipo “doppelganger malvagio” di Spider-Man. Il suo personaggio semplicemente non funziona senza Spider-Man come punto di ispirazione o contrasto. Visivamente parlando, Venom non ha senso al di fuori del contesto di “Cosa succede se fosse Spider-Man, ma oscuro ?”

La prospettiva di un film di Venom senza Spider-Man è intrinsecamente assurda. La cosa potrebbe suggerire che è come fare due film di Joker senza Batman, ma non è del tutto preciso. Nonostante la loro lunga associazione, non c’è nulla del “clown assassino” che richiede “l’uomo vestito da pipistrello” per poter funzionare. Provare a realizzare un film di Venom senza Spider-Man è come provare a realizzare un film su Sabretooth senza Wolverine, un film su Man-Bat senza Batman, un film di Bizarro senza Superman, un film su Abominio senza Hulk. Non ha senso.

Eliminare Spider-Man dalla storia sull’origine di Venom rimuove essenzialmente la colonna vertebrale del personaggio, in un modo che crea un’apprezzabile assenza. Persino il pubblico, senza apprezzare l’associazione di vecchia data tra i due personaggi, potrebbero chiedersi perché gli occhi di Venom assomiglino al Tessiragnatela o perché oscilli in quel modo o perché si arrampichi sui muri. Venom non può possibilmente rispondere a queste domande con qualcosa di più di quanto già non faccia .

Per essere onesti, ci sono aspetti di questo approccio che funzionano abbastanza bene. I moderni film sui supereroi hanno in gran parte abbandonato l’idea del supereroe come metafora personale, l’idea che questi personaggi rappresentino qualcosa di specifico e unico piuttosto che servire come trampolino di lancio per grandi temi sul mondo moderno. Questo forse riflette nel modo in cui i moderni film dei supereroi si sono in gran parte allontanati da archi personali dei personaggi, ma anche nel fatto che i moderni film di supereroi non fanno metafore semplici come “hai provato a non essere un mutante?” con in X-Men II .

Venom gioca ripetutamente con l’idea del suo personaggio centrale come metafora di intensa esperienza personale, di un trauma letterale trasformativo, come sostituto del tipo di evento che cambia la vita e che cambia profondamente una persona. Accade solo che Eddie Brock sia cambiato in un modo più fisico che psicologico. Nei primi dieci minuti del film, Eddie tocca il fondo. Perde il suo lavoro tranquillo e l’amore. Si ritrova in enormi debiti e incapace di lavorare. La sua reputazione è a brandelli e la sua autostima non è molto alta.

Tom Hardy fa un sacco di lavori pesanti qui. La versione a fumetti di Eddie Brock era chiaramente un cattivo e ovviamente mostruoso. Era un brutto giornalista che ha falsificato delle notizie per essere pagato. Venom si allontana da un ritratto così rozzo. Invece, Eddie ha un solo momento di debolezza che finisce per costargli caro. Il film ha un altro personaggio che suggerisce attraverso il dialogo che la caduta di Eddie è il risultato della sua arroganza, ma la sceneggiatura non analizza mai il punto per paura di alienare il pubblico.

Di conseguenza, tocca a Tom Hardy dare al personaggio lo spessore necessario per far credere al pubblico che sta cadendo a pezzi. Hardy ha la meravigliosa miscela di machismo ed empatia che fa il lavoro necessario. Eddie sembra che riesca a tenerlo insieme così com’è. Nella parte iniziale del suo percorso, Eddie sembra radersi raramente e lotta per mantenere il contatto visivo con le persone intorno a lui. Una volta che tutto cade a pezzi, la performance di Hardy ci suggerisce che l’ uomo che stiamo vedendo è ormai perduto.

Questo è il tipo di ampio approccio psicologico pop alla narrazione dei supereroi che è in gran parte assente dai successi contemporanei, forse perché questi film diffidano di virare nell’assurdità del campo. Venom è innegabilmente assurdo nei punti, caratterizzato dal tipo di battute folli che sono state in gran parte filtrate dai moderni film di supereroi auto-seri in favore di un approccio pulito e standardizzato. C’è un momento in cui Venom che ricorda l’eccentricità a lungo perduta di Hulk di Ang Lee , quando il simbionte si nasconde in un adorabile cagnolino per pochi minuti.

Venom funziona meglio quando si appoggia alla ridicolaggine della sua premessa, inclusa la pesante psicologia. In diversi punti, Eddie e Venom conversano tra di loro, come se lottassero per il controllo dello stesso corpo. In un altro punto, Eddie e Venom si incontrano. Verso la fine del film, Eddie sembra rimuginare sul potere che questa trasformazione grottesca gli dà. “Non è del tutto orribile” , ammette, essendosi riconciliato con il mostro dentro di sé.

Ovviamente, il problema è che Venom si spinge sempre più vicino al modello standard del supereroe mentre si avvicina il climax, e quindi cade nei ritmi familiari. Il film non esplora mai completamente la violazione della fiducia tra Eddie e la sua fidanzata, e non lo tiene mai abbastanza sul punto di spiegare cosa è successo. Sebbene altri personaggi suggeriscano che il suo fallimento sia radicato nel suo personaggio, non riesce mai a superare nessuno dei difetti che identificano quando il film si avvicina al suo culmine. In effetti, il film sottolinea quanto sia bello un ragazzo come Eddie; persino da fallito, dà venti dollari a un senzatetto.

Lo stesso vale per la trama stessa, che implica un ovvio riff sui miliardari della Silicon Valley tech come cattivi capitalisti. Riz Ahmed interpreta Carlton Drake, una figura chiaramente ispirata a personaggi come Elon Musk. È ossessionato dai viaggi nello spazio come mezzo di autoconservazione e ha poca preoccupazione per i limiti come la salute e la sicurezza. Il film fa un vago gesto verso la relazione imbarazzante tra queste aziende tecnologiche e la stampa, ma non si impegna mai veramente.

La performance di Ahmed è interessante in gran parte per quanto sia fluida, sembra consapevolmente senza vita. Ahmed interpreta un Drake in contrasto con Hardy nei panni di Brock. Hardy fa costantemente le cose, mentre Drake sembra singolarmente disinteressato, come un robot pre-programmato senza alcun interesse per tutto ciò che accade intorno a lui al di fuori della curiosità accademica e un amore costante per il suono della sua stessa voce. Drake lavora discutibilmente nei dettagli più fini piuttosto che nel quadro generale; le sue scarpe da ginnastica alla moda sono l’aspetto più ironicamente distintivo del suo personaggio.

Ahmed interpreta Drake come un personaggio che manca completamente di autocoscienza. Loda un bambino per aver fatto domande prima di chiudere un’intervista. Si posiziona come Dio in una rivisitazione della storia di Abramo e Isacco, in cui cerca di argomentare che Isaaco è il vero eroe nonostante la sua totale mancanza di azione. Ahmed interpreta Drake come il tipo di figura che è abituato a battere le persone alla fine delle sue frasi, e quindi non sente più il bisogno di fare uno sforzo. Non è una performance o un personaggio particolarmente memorabile, ma è un approccio decente.

Ancora una volta, il film cade nel terrificante quando si raggiunge il culmine, richiedendo a Drake di ricoprire il ruolo di antagonista minaccioso principale di Eddie Brock. Ciò richiede di abbandonare molto rapidamente una quantità enorme di trama e di oscurare tutta una serie di motivazioni. Venom è il tipo di film in cui un miliardario tecnologico può decidere di lanciarsi nello spazio con letteralmente cinque minuti di preavviso.

Venom si disintegra nel suo climax pieno d’azione, il che è un peccato. C’era del materiale interessante nei primi due terzi, anche se faticava a coesistere anche prima che tutto crollasse in se stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *